Sky Arte HD protagonista anche nella fotografia. Nascono due nuovi premi in partnership con la Fondazione Fotografia di Modena

Fondazione Fotografia Modena ha annunciato ufficialmente, stamattina a Milano, la nascita di due nuovi riconoscimenti e un progetto formativo, tutti dedicati all’ambito artistico a cui da sempre sono rivolte le sue iniziative. Le tre novità nascono in collaborazione con Sky Arte HD, che ne racconterà nascita e sviluppo in programmi televisivi prodotti ad hoc. I […]

Milano, 3 febbraio - Presentazione partnership Fondazione Fotografia Modena e Sky Arte HD

Fondazione Fotografia Modena ha annunciato ufficialmente, stamattina a Milano, la nascita di due nuovi riconoscimenti e un progetto formativo, tutti dedicati all’ambito artistico a cui da sempre sono rivolte le sue iniziative. Le tre novità nascono in collaborazione con Sky Arte HD, che ne racconterà nascita e sviluppo in programmi televisivi prodotti ad hoc.
I due premi presentati da Andrea Landi, che presiede la Fondazione Fotografia Modena, rispecchiano la duplice apertura dell’istituzione rispetto al mondo artistico, nella sua dimensione locale e in quella internazionale.

Andrea Landi, Fondazione Fotografia Modena
Andrea Landi, Fondazione Fotografia Modena

IL PREMIO INTERNAZIONALE PER LA FOTOGRAFIA
All’interno della scena artistica mondiale, 29 fotografi viventi verranno candidati, da dodici esperti del settore e dal board scientifico della Fondazione, per il contributo dato allo sviluppo del linguaggio delle immagini. Tra questi, una giuria internazionale – che si riunirà a settembre – sceglierà poi il vincitore del Premio, la cui cerimonia di premiazione si terrà il 5 marzo del 2016. Al fotografo premiato andrà una somma di 70mila euro, oltre a una mostra personale presentata dalla Fondazione. Il Premio avrà cadenza biennale e un tema sempre diverso.
Al centro della prima edizione c’è l’Identità, che Olivier Richon – professore della Royal Academy of Arts di Londra e membro del board della Fondazione – ha definito in conferenza come “il quesito” per eccellenza cui la fotografia cerca di dare una risposta. E lo fa indagando i diversi aspetti che contribuiscono a definire l’identità di un individuo: il rapporto con la sua comunità di appartenenza, con la propria sessualità, con la natura e via dicendo, fino ai più generali interrogativi esistenziali.
Insomma, il Premio non assegnerà riconoscimenti divisi per le tradizionali categorie dei concorsi fotografici, dal ritratto alla rappresentazione d’ambiente, proprio per favorire un’interpretazione del tema più diversificata possibile.

Oliver Richon, Dipartimento di Fotografia -Royal Academy of Arts
Oliver Richon, Dipartimento di Fotografia -Royal Academy of Arts

PREMIO FOTOGRAFIA ITALIANA UNDER 40
Caratteristiche quasi opposte presenta invece il Premio istituito dalla Fondazione Fotografia Modena per i giovani talenti italiani. Tanto per cominciare, il riconoscimento stabilisce appunto due requisiti specifici per l’ammissione delle candidature: l’appartenenza alla scena nazionale e alla generazione di creativi più giovane. Con questo Premio, la Fondazione vuole infatti ribadire il proprio radicamento sul territorio da cui trae origine, a partire dalla stessa città di Modena che ha dato vita a una propria scuola di fotografia. Il Premio italiano non avrà quindi un tema, ma accoglierà qualsiasi progetto italiano, recente o ancora in fase di realizzazione.
A tal proposito, Francesco Jodice – anch’egli presente a Milano – ha sottolineato come il Premio prometta di far uscire vittorioso tutto il movimento artistico nazionale, che ha sempre sofferto dell’assenza di poli cui fare riferimento: “Finalmente potrà ‘coagularsi’ attorno al Premio”.
A suo giudizio avvincente è anche la partecipazione del medium televisivo, attraverso Sky Arte HD, che riprende un discorso “alto” come il dibattito sulla fotografia artistica ma democratizzandolo, per la fruizione da parte del grande pubblico.

Francesco Jodice, fotografo italiano e docente di fotografia
Francesco Jodice, fotografo italiano e docente di fotografia

FOTO FACTORY MODENA
Proprio in questo senso è orientato il nuovo format annunciato oggi a Milano, Foto Factory Modena: il primo “tutorial di fotografia televisivo”, come lo ha definito il direttore di Sky Arte HD, Roberto Pisoni. Tramite una open call, nove aspiranti fotografi avranno l’occasione di partecipare a un programma formativo presso la Fondazione Fotografia Modena, sotto lo sguardo delle telecamere che documenterà lezioni ed esercitazioni del workshop.

– Caterina Porcellini

www.fondazionefotografia.org

CONDIVIDI
Caterina Porcellini
Caterina Porcellini è nata a Taranto, si è formata al DAMS di Bologna e professionalmente a Milano. Già durante l'università sviluppa un interesse per l'influenza esercitata dalla tecnologia su pensiero e società, attraverso le tesi di Marshall McLuhan, Walter J. Ong e Lev Manovich. Da allora si mantiene sempre aggiornata sui nuovi media, lavorando come web editor, social media manager e consulente SEO. Dal 2007 ha collaborato con testate specialistiche e non, Exibart e alcuni siti del Gruppo 24 ORE tra gli altri. Continua ad avere un occhio di riguardo per quelle forme d'espressione che hanno una relazione diretta con il pubblico: architettura e design, fotogiornalismo, performance e installazioni. Grazie alla recente collaborazione con Plain Ink Onlus, sta approfondendo l'utilizzo con finalità sociali dei mezzi di comunicazione popolari, come fumetti e storytelling.