Capolavori, nel verde. Da Zegna a Franco Maria Ricci, cresce la rete dei Grandi Giardini Italiani: che si preparano all’appuntamento con l’Expo 2015

Trivero, Fontanellato, Briosco, San Secondo di Pinerolo. Non vi dicono molto queste località? Eppure sono sedi di vere e proprie opere d’arte: un po’ particolari. Come lo possono essere dei giardini monumentali. Judith Wade, la fondatrice della rete Grandi Giardini Italiani, ha infatti appena presentato i nuovi giardini che entrano a fare parte del circuito: e […]

Il labirinto monumentale di Franco Maria Ricci a Fontanellato
Il labirinto monumentale di Franco Maria Ricci a Fontanellato

Trivero, Fontanellato, Briosco, San Secondo di Pinerolo. Non vi dicono molto queste località? Eppure sono sedi di vere e proprie opere d’arte: un po’ particolari. Come lo possono essere dei giardini monumentali. Judith Wade, la fondatrice della rete Grandi Giardini Italiani, ha infatti appena presentato i nuovi giardini che entrano a fare parte del circuito: e ci sono anche la splendida Oasi Zegna (Trivero, Biella), lo spettacolare labirinto monumentale ideato e voluto da Franco Maria Ricci e dalla moglie Laura Casalis a Fontanellato (Fontanellato, Parma), la raffinata Collezione Rossini (Briosco, nella Brianza), il Parco del Castello di Miradolo (San Secondo di Pinerolo, nel torinese), i Giardini Vaticani e le Ville Pontificie di Castel Gandolfo.
Perchè ora queste meraviglie della natura e della creatività applicata salgono agli onore delle cronache? Per il progetto 100 Giardini per Expo 2015: un itinerario “che guiderà i visitatori alla scoperta dei più bei giardini visitabili d’Italia e Canton Ticino con orti, vigneti e frutteti”. Un patrimonio pubblico e privato che calamita crescente interesse di Italiani e stranieri, tanto che i giardini della rete nel 2014 hanno registrato oltre 8 milioni di visitatori. In attesa di conoscere i nuovi progetti per l’Expo, vediamo un po’ di immagini delle new entry…

www.grandigiardini.it

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.