Lo Strillone: le mummie false dei Musei Vaticani sul Corriere della Sera. E poi Franco Bernabè, Francesco Prosperetti al Colosseo…

Falsi, “creati soprattutto nella prima metà dell’Ottocento, quando scoppiò una vera e propria mummia-mania”. È questa la rivelazione clamorosa degli esperti dei Musei Vaticani: sarebbero false le due mummie conservate nelle collezioni: “le bende sono ricoperte di una resina che non si trova in Egitto ma in Europa”, rivelano fra l’altro nella documentazione che sarà […]

Quotidiani
Quotidiani

Falsi, “creati soprattutto nella prima metà dell’Ottocento, quando scoppiò una vera e propria mummia-mania”. È questa la rivelazione clamorosa degli esperti dei Musei Vaticani: sarebbero false le due mummie conservate nelle collezioni: “le bende sono ricoperte di una resina che non si trova in Egitto ma in Europa”, rivelano fra l’altro nella documentazione che sarà presentata ufficialmente domani: e che il Corriere della Sera anticipa nel numero in edicola oggi.

Oggi chi non è creativo e competitivo starà molto peggio di chi non lo era trent’anni fa”. Parola di Franco Bernabè, ex presidente Telecom ed ex dominus del Mart di Rovereto, oggi approdato a Roma al Palaexpo: li intervista Il Fatto Quotidiano, che riporta la sua lettura del presente e del futuro politico ed economico italiano. “Per la crescita l’unica cosa che si può fare è liberare le energie e cogliere opportunità, che ci sono”.

È stato ed è ancora al centro della diatriba nata dopo le scandalose nomine dei direttori generali del Mibact del 23 dicembre scorso, prima indicato come prescelto per il Contemporaneo e subito dopo – sostiene – “trombato” con una telefonata contraria. Ora Francesco Prosperetti – a quanto segnala il dorso romano de La Repubblica – sarebbe in pole position per la carica di soprintendente archeologo di Roma, con responsabilità anche sul Colosseo.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.