Lo Strillone: il Neorealismo di Dolce e Gabbana sul Corriere della Sera. E poi Borgo Medievale a Torino, il Circo di Commodo a Roma…

“È il nostro mondo. La prima musa fu la Magnani, poi la Loren: mediterranee e formose, sempre le stesse donne”. Sul Corriere della Sera ampia intervista al duo fashion Dolce e Gabbana: la loro antica infatuazione per il Neorealismo cinematografico, Tirelli, Tornatore, La Grande Bellezza… Costi per 1,2 milioni di euro all’anno, ricavi per biglietti […]

Quotidiani
Quotidiani

È il nostro mondo. La prima musa fu la Magnani, poi la Loren: mediterranee e formose, sempre le stesse donne”. Sul Corriere della Sera ampia intervista al duo fashion Dolce e Gabbana: la loro antica infatuazione per il Neorealismo cinematografico, Tirelli, Tornatore, La Grande Bellezza…

Costi per 1,2 milioni di euro all’anno, ricavi per biglietti per 300mila: il complesso del Borgo Medievale, a Torino, è un’impresa in perdita. E dopo un’estate di “prova”, il Circolo dei Lettori getta la spugna: lo riferisce La Stampa. Sempre da Torino l’edizione de La Repubblica racconta di grandi mostre per il 2015 ridimensionate o rinviate causa concorrenza Expo.

Roma come un grande cantiere archeologico sempre aperto. Il Messaggero svela planimetria e struttura del Circo di Commodo, ricostruiti da un’equipe di studiosi dopo anni di indagini. C’era anche un’infermeria per il pronto soccorso agli atleti feriti in gara: con tanto di strumenti chirurgici.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • angelov

    D&G: Due maestri nell’aver elevato il gusto medio, ma tuttavia a prezzi spesso inaccessibili, ispirandosi ad icone molto popolari, ma spesso volgari.