Lo Strillone: esce oggi romanzo-bomba di Michel Houellebecq, anticipazioni su Il Giornale. E poi Luisa Casati Stampa, Pablo Neruda…

È (diventato) il caso editoriale dell’anno, e oggi arriva nelle librerie di tutta Italia. È Sottomissione (Bompiani, pagg. 252, euro 17,50), il romanzo di Michel Houellebecq che immagina la Francia islamizzata: “una Francia governata da un presidente musulmano, Mohammed Ben Abbes. Siamo nel 2022. Per sbarrare la strada a Marine Le Pen, sia i socialisti […]

Quotidiani
Quotidiani

È (diventato) il caso editoriale dell’anno, e oggi arriva nelle librerie di tutta Italia. È Sottomissione (Bompiani, pagg. 252, euro 17,50), il romanzo di Michel Houellebecq che immagina la Francia islamizzata: “una Francia governata da un presidente musulmano, Mohammed Ben Abbes. Siamo nel 2022. Per sbarrare la strada a Marine Le Pen, sia i socialisti sia il centrodestra si alleano con il neonato partito musulmano”. Alcuni brani li anticipa Il Giornale.

Una donna stupefacente. Uno sfondo vivido, Milano-Roma-Venezia-Parigi tra le due guerre. Un materiale vivace, tra erotismo, esotismo, esoterismo”. Su L’Espresso spazio all’immaginifica figura della Marchesa Luisa Amman Casati Stampa, “narcisista ispiratrice di artisti e poeti, da D’Annunzio a Léon Bakst a Man Ray”: a Venezia le dedica una grande mostra Palazzo Fortuny, mentre il ritratto tracciato da Luca Scarlini esce per i tipi di Skira.

La creatività in difesa dei luoghi di cultura“. Questo il grido di battaglia dell’anonima scultrice scozzese che lascia le sue opere davanti a musei e biblioteche, e che La Repubblica rilancia dalle sue pagine: “coprirò di libri il mondo“. Poesia per Il Messaggero: esce oggi in Spagna il volume Tus pies toco en la sombra, molti versi sconosciuti del grande Pablo Neruda appartenenti al periodo della maturità. Tra i temi trattati la natura, la speranza, il suo Paese.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.