Il talento di Mr. Turner. Presto nelle sale italiane il film sul paesaggista inglese, che intanto fa incetta di premi e nomination

Uscita italiana alle porte per il biopic d’artista più atteso dell’anno. Sarà infatti nelle sale dal 29 gennaio con anteprime speciali a Milano, Bologna (Arte Fiera) e Roma (Gnam), Turner, il film di Mike Leigh sul più blasonato tra i paesaggisti inglesi: Joseph Mallord William Turner. Descritto più o meno come un farabutto, poco incline […]

Uscita italiana alle porte per il biopic d’artista più atteso dell’anno. Sarà infatti nelle sale dal 29 gennaio con anteprime speciali a Milano, Bologna (Arte Fiera) e Roma (Gnam), Turner, il film di Mike Leigh sul più blasonato tra i paesaggisti inglesi: Joseph Mallord William Turner. Descritto più o meno come un farabutto, poco incline agli affetti, anarchico e cocciuto Mr. Turner ha conquistato pubblico e favore della critica. Il fim, infatti, presentato all’ultimo Festival di Cannes, era stato nominato per la Palma d’Oro e aveva vinto un premio speciale per la Fotografia di Dick Pope e per il Miglior Protagonista, Timothy Spall, attore feticcio di Mike Leigh, premiato in quell’occasione proprio dalla nostra Monica Bellucci. Lo accompagnava sul red carpet della Croisette la moglie Shane, in una mise tutt’altro che sobria (era vestita da finestra e sembrava più un Rauschenberg che un Turner), riciclata peraltro anche per la Premiere di Toronto.
Intanto per Spall, Leigh e cast sono piovuti da tutti i circoli critici e i festival più prestigiosi del mondo una valanga di riconoscimenti e candidature. Considerato uno dei migliori dieci film dell’anno dal National Board of Review ha ottenuto cinque nomination ai British Indipendent Film Awards, due candidature ai Critics’ choice awards, per fotografia e costumi, sette al London Film Critics’ Circle, di cui una riscossa dal protagonista, ha vinto come miglior film europero all’Hawaii International Film Festival, e per la regia ai Britannia Awards. Anche secondo il New York Film Critic Circle e il National Society of Film Critics Timothy Spall è stato il miglior attore. Risultato tutt’altro che trascurabile se si considera che ancora pendono una nomination per Dick Pope agli American Society of Cinematographers, quattro nomination ai Bafta (Fotografia, Scenografia, Costumi, Trucco e Parrucco) e quattro anche agli Oscar (Fotografia, Costumi, Scenografia e Colonna Sonora Originale)! Turner, il pittore della luce, ora anche quella della ribalta…

Federica Polidoro

turnerfilm.it
#turnerfilm

 

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.