Ecco come funziona una galleria online. Sandro Mele e No al Carbone da Asa Nisi Masa. Arte e impegno civile contro l’inquinamento

Tutto cominciò con una performance, negli spazi delle Manifatture Knos di Lecce. Era il 2013 e con C’erano anche loro quattro attivisti del movimento No al Carbone, disposti in cerchio, leggevano in coro dei testi scritti da alcuni residenti del territorio di Brindisi, tutta gente che vive, nel quotidiano, i disagi provocati dell’invasiva centrale a […]

Sandro Mele, Senza Titolo

Tutto cominciò con una performance, negli spazi delle Manifatture Knos di Lecce. Era il 2013 e con C’erano anche loro quattro attivisti del movimento No al Carbone, disposti in cerchio, leggevano in coro dei testi scritti da alcuni residenti del territorio di Brindisi, tutta gente che vive, nel quotidiano, i disagi provocati dell’invasiva centrale a carbone Federico II di Cerano.
L’opera la firmava Sandro Mele e da quella collaborazione, nata nel segno di una battaglia sociale ed ambientale, si consolidò un rapporto destinato a durare. Il tema dell’inquinamento e le istanze delle comunità brindisine, costrette ad abitare in luoghi contaminati, è entrato nel cuore e nelle ricerche dell’artista, divenuto alleato del movimento e del suo impegno di lotta civile fatto di informazione, di denunce, di approfondimento e di sensibilizzazione collettiva.

Carbonero
Carbonero

Un nuovo step è arrivato con “Carbonero”, mostra di Sandro Mele curata da Sara Fico per asa nisi masa, galleria d’arte contemporanea online. Uno spazio virtuale in cui, fino al prossimo 15 febbraio, l’originaria performance leccese trova nuova forma e definizione: i quattro testi diventano tracce audio, mentre lungo la linea temporale della narrazione si dispiegano una serie di disegni (a carboncino, per caso o per paradosso), appositamente concepiti dall’artista. E a quel punto l’interazione del pubblico può seguire percorsi diversi, scelti in autonomia: ascoltare, cambiare traccia, scaricare un disegno in alta risoluzione, mettere in pausa il suono, tornare ad ascoltare. Il visivo ed il sonoro si intrecciano, per un meccanismo di fruizione basato sull’immaterialità e la temporalità.
La storia molteplice e multilivello, che prende vita fra i bordi elastici di una finestra virtuale, è così una storia di concretezza e di verità, legata alla terra e alle persone, alle loro vite, ai loro corpi e ai loro luoghi. E che pure, creativamente, si fa volatile, attraversabile da tutti, ovunque, per il tempo breve di un progetto costruito in rete.

– Helga Marsala

http://www.anmgallery.com/carbonenero/

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.