Boom dei musei italiani nel 2014. I visitatori superano i 40 milioni, in aumento del 6,2%, introiti a 135 milioni di euro, +7% rispetto al 2013

IN AUMENTO SIA INGRESSI CHE INTROITI Mentre la pubblicazione dei bandi per i nuovi direttori dà il via a quella che comunque sarà una nuova stagione per i musei italiani, il Ministero dei Beni Culturali rende noti gli incoraggianti numeri che riassumono il 2014 delle strutture museali del Paese. Boom degli incassi, di visitatori e […]

Il Palazzo Ducale di Mantova

IN AUMENTO SIA INGRESSI CHE INTROITI
Mentre la pubblicazione dei bandi per i nuovi direttori dà il via a quella che comunque sarà una nuova stagione per i musei italiani, il Ministero dei Beni Culturali rende noti gli incoraggianti numeri che riassumono il 2014 delle strutture museali del Paese. Boom degli incassi, di visitatori e di ingressi gratuiti, sicuramente aiutato dall’introduzione della rivoluzione tariffaria che dal 1 luglio ha introdotto la prima domenica del mese gratuita in tutti i musei statali. Ma si tratta di una crescita anche strutturale: nel 2° semestre 2014 infatti il numero dei visitatori è aumentato di circa 1.300.000 unità (+6,4%), l’aumento degli ingressi gratuiti è stato di 350.000 unità (+ 3,6%) ma è nella crescita degli introiti che si registra il dato più rilevante, con un aumento di circa 6.300.000 euro (+9%).

EFFETTO TRAINO DALLE DOMENICHE GRATIS
“Si è verificato una sorta di effetto traino”, ha sottolineato il ministro Dario Franceschini parlando dei dati. Per esemplificare: in Campania fra il 2013 e il 2014 i visitatori non paganti sono cresciuti da 2.901.928 a 3.130.900, ma sono aumentati anche i paganti, da 3.123.600 a 3.399.955, con introiti complessivi in crescita di quasi 3 milioni di euro. I visitatori che hanno usufruito della gratuità nella prima domenica di dicembre sono comunque stati del 40% superiori a quelli della prima domenica di luglio (+120.967 visitatori). Nel complesso nazionale i visitatori sono stati 40.287.393, e rispetto al 2013 si segnala un +6,2% che corrisponde a +2.355.687 visitatori; gli introiti sono stati 134.860.105 €, rispetto al 2013 si segnala un +7% che corrisponde a +8.784.486 €.

PALAZZO DUCALE DI MANTOVA +26,3 %
Qualche curiosità? Da notare l’exploit del Museo di Palazzo Ducale di Mantova, che ha segnato un +26,3 % di visitatori grazie soprattutto alle riaperture di parte delle sale al termine dei lavori di restauro eseguiti in seguito ai danni del sisma del 2012. Notevoli anche le performance del Museo Nazionale Romano e di quello che da dicembre è il Polo Reale di Torino, che passa dal 20° al 19° posto, con rispettivamente un +21,6% e un +21%. Buoni anche i risultati degli scavi di Ostia antica, che passa dal 17° al 16° posto, e del Museo Nazionale Archeologico di Napoli, che se registrano una crescita del pubblico rispettivamente del 13% e del 13,3% conoscono però un aumento rispettivamente del 23,2% e del 27,5% dei visitatori paganti.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Dana

    Boom delle domeniche… per il resto è tutto uguale, se non peggio.

    • Massimo Mattioli

      No, la notizia è proprio il contrario di questo. Altrimenti, essendo le domeniche a cui si riferisce a infresso gratuito, come si spiegherebbe l’incremento degli incassi? Quando c’è una notizia positiva, va apprezzata come vanno criticate quelle negative