Bologna Updates: Opificio Golinelli? Ecco come sarà. Marino Golinelli racconta in video contenuti e sviluppi del centro culturale che apre a fine giugno

Chiunque entri ad Arte Fiera, ci passa davanti, a quello stand, posto subito dopo l’ingresso, all’inizio del corridoio che conduce ai padiglioni 25 e 26. Quale stand? Quello dove la Fondazione Golinelli presenta il plastico del “centro per la conoscenza e la cultura” che sta nascendo a Bologna, quell’Opificio Golinelli la cui inaugurazione – inizialmente […]

Chiunque entri ad Arte Fiera, ci passa davanti, a quello stand, posto subito dopo l’ingresso, all’inizio del corridoio che conduce ai padiglioni 25 e 26. Quale stand? Quello dove la Fondazione Golinelli presenta il plastico del “centro per la conoscenza e la cultura” che sta nascendo a Bologna, quell’Opificio Golinelli la cui inaugurazione – inizialmente programmata per la fine di aprile o i primi di maggio, in pieno clima Expo-Biennale – è ora stata intelligentemente spostata alla fine di giugno.

Dopo il MAST, dunque, Bologna si doterà di un altro fulcro di iniziative culturali, in questo caso con forti declinazioni scientifiche, e sempre per iniziativa privata. I contenuto e gli sviluppi del progetto li racconta dalla sua viva voce Marino Golinelli nel video che trovate nella pagina…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.