Bologna Updates: Opificio Golinelli? Ecco come sarà. Marino Golinelli racconta in video contenuti e sviluppi del centro culturale che apre a fine giugno

Chiunque entri ad Arte Fiera, ci passa davanti, a quello stand, posto subito dopo l’ingresso, all’inizio del corridoio che conduce ai padiglioni 25 e 26. Quale stand? Quello dove la Fondazione Golinelli presenta il plastico del “centro per la conoscenza e la cultura” che sta nascendo a Bologna, quell’Opificio Golinelli la cui inaugurazione – inizialmente […]

Chiunque entri ad Arte Fiera, ci passa davanti, a quello stand, posto subito dopo l’ingresso, all’inizio del corridoio che conduce ai padiglioni 25 e 26. Quale stand? Quello dove la Fondazione Golinelli presenta il plastico del “centro per la conoscenza e la cultura” che sta nascendo a Bologna, quell’Opificio Golinelli la cui inaugurazione – inizialmente programmata per la fine di aprile o i primi di maggio, in pieno clima Expo-Biennale – è ora stata intelligentemente spostata alla fine di giugno.

Dopo il MAST, dunque, Bologna si doterà di un altro fulcro di iniziative culturali, in questo caso con forti declinazioni scientifiche, e sempre per iniziativa privata. I contenuto e gli sviluppi del progetto li racconta dalla sua viva voce Marino Golinelli nel video che trovate nella pagina…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.