Quando anche Babbo Natale è una vittima del fashion. Cartoline d’auguri per modaioli? Detto fatto. Ci ha pensato l’agenzia Joint London…

Ultime ore utili per accatastare regali, stilare menu, ricordarsi dell’ultimo amico/parente da invitare, organizzare tavole e addobbi. Nonché, gestire lo stress di rito. E i più perfezionisti non dimenticheranno, tra pacchetti e pacchettini, di procurarsi i classici biglietti d’auguri. Cartacei o digitali. Un optional? Dipende. Da spedire per posta, allegare a una mail, far viaggiare […]

Santa Claus - Saint Laurent

Ultime ore utili per accatastare regali, stilare menu, ricordarsi dell’ultimo amico/parente da invitare, organizzare tavole e addobbi. Nonché, gestire lo stress di rito. E i più perfezionisti non dimenticheranno, tra pacchetti e pacchettini, di procurarsi i classici biglietti d’auguri. Cartacei o digitali. Un optional? Dipende. Da spedire per posta, allegare a una mail, far viaggiare sui social o spillare ai cadeaux. Scelta infinita: da quelli  tradizionali e sobri, a quelli coloratissimi e iper pop,  fino ad arrivare alla versione per fashion victims. Che auguri di Buon Natale manda il patito di griffe e passerelle?
A disegnare una linea speciale ci ha pensato  l’agenzia creativa  Joint London, con il progetto DesignerXSanta. E il Santa Claus scelto per questo divertente esperimento è quello americano che più americano non si può: il Babbo Natale della Coca Cola, con tanto di iconica bottiglietta in mano. Sull’apposito sito web, semplicemente correndo con il mouse, potrete vedere la sagoma panciuta e barbuta cambiare outfit e stile, in linea con alcuni fashion band internazionali.

Santa Claus - Marni
Santa Claus – Marni

 

Ed ecco il Babbo Natale glam-chic, vestito da Saint Laurent, con giubbotto di pelle, sneaker e camicia, tutto rigorosamente nero; quello in versione urban-dark, à la Rick Owens, con t-shirt, scarponi e bermudoni; quello classico, come l’uomo Marni, con pullover rosso, scarpe lucide e pantaloni di vigogna; quello pink di Kenzo, eccentrico metropolitano, con spolverino, maglietta e stivaletti spaziali; quello iper minimal firmato Alexander Wang e affezionato a tessuti tecnici, linee comode e rigore black&white. E ancora Acne Studios, Hood by Air, Martin Margiela, Raf Simons
Come avere questi bigliettini augurali per modaioli? Semplice, veloce e a costo zero. La formula è quella del “pay with a tweet”, un’applicazione che ti consente di accedere a un servizio on line pagando come obolo un post via Twitter o Facebook: basta pubblicare il link al sito del progetto per ottenere un tasto di download da cui scaricare la versione in altissima risoluzione della cartolina scelta. Pronta per essere stampata su cartoncino, oppure dimensionata e inserita in un augurio virtuale…. And Have a Merry Fashion Christmas!

–      Helga Marsala

http://designerxsanta.com/

 

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • angelov

    In realtà il vero Babbo Natale originale aveva un abito di color verde; la Coca Cola ne cambiò il colore in rosso, in una sua pubblicità, e così nacque la tradizione di Babbo Natale vestito di rosso; ma forse l’invenzione stessa di questo amato personaggio, rispondeva già ad una esigenza pubblicitaria ma di natura “spirituale”…

    • Helga Marsala

      non lo sapevo! grazie!