Perino & Vele al Madre. Un’opera del duo entra a far parte della collezione permanente del museo di Napoli: ecco le immagini dell’allestimento che celebra venti anni di sodalizio artistico

Sembrano giovani ma in realtà festeggiano già i venti anni di carriera, e il Madre per l’occasione svela l’installazione di una loro nuova opera: The Big Archive (1994-2014). Gli autori sono Emiliano Perino (New York, 1973) e Luca Vele (Rotondi, 1975), che iniziano a lavorare insieme nel 1994, al termine degli studi presso il liceo […]

Sembrano giovani ma in realtà festeggiano già i venti anni di carriera, e il Madre per l’occasione svela l’installazione di una loro nuova opera: The Big Archive (1994-2014). Gli autori sono Emiliano Perino (New York, 1973) e Luca Vele (Rotondi, 1975), che iniziano a lavorare insieme nel 1994, al termine degli studi presso il liceo artistico di Benevento nel quale si sono conosciuti. Il lavoro – composto da 66 cassette in ferro zincato e da 9 vasi in vetroresina catramata – sarà visibile in maniera permanente nel secondo cortile del museo per il quale è stato progettato e, in continuità con il linguaggio artistico del duo, rappresenta l’assemblaggio di tanti elementi atti a “contenere” la speranza, la bellezza ma anche la memoria senza la quale nulla di positivo può trovare vita. A seguire l’inaugurazione, nella Sala delle Colonne, al primo piano del museo, in programma la designazione dell’opera vincitrice del contest [email protected] dedicato ai giovani artisti della scena internazionale.

– Giovanna Procaccini

Sabato 20 dicembre 2014
THE BIG ARCHIVE 1994-2014 installazione di Perino & Vele – ore 11:00, secondo cortile
Premiazione [email protected] – ore 12:00, Sala delle Colonne, I piano
Museo MADRE
Via Settembrini 79 – Napoli
www.madrenapoli.it

 

 

CONDIVIDI
Giovanna Procaccini
Giovanna Procaccini, napoletana, si laurea in architettura e si specializza in storia dell’arte all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Si diploma come addetto alla conservazione e restauro dei dipinti su tela. Critica e curatrice, si occupa d’arte contemporanea in ogni suo aspetto. Ha lavorato come assistente presso la Cardi Galleria d’Arte di Milano e la Galleria Alfonso Artiaco di Napoli. Ha svolto contratti a progetto con il PAN | Palazzo delle Arti Napoli e con la Fondazione Internazionale Studi Superiori di Architettura. Si è occupata di didattica per Progetto Museo e per gli Amici dei Musei – Sez. Giovanile Napoli. Ha curato mostre di architettura e di artisti emergenti presso spazi pubblici e private gallerie d’arte. È consulente tecnico d’ufficio per il Tribunale di Napoli e svolge ruolo di consulente per alcuni collezionisti d’arte. Dalla sua fondazione, nel 2011, collabora con Artribune. Precedentemente, dal 2005, ha collaborato con le piattaforme editoriali Exibart e Zero.