Festa col botto per i 30 anni del Castello di Rivoli, il primo Museo di Arte Contemporanea italiano. Un’intera giornata tra performance, convegni e cena finale al Combal Zero

Il 18 del mese è arrivato, con il suo bravo hashtag #18 rivolicast, a ricordare il programma di eventi a cadenza fissa del Castello di Rivoli, per festeggiarne i trent’anni dalla nascita. Ma stavolta era l’ultimo, quello della festa. E il primo museo d’arte contemporanea d’Italia non si è risparmiato, dedicando un’intera giornata ai festeggiamenti. […]

Il 18 del mese è arrivato, con il suo bravo hashtag #18 rivolicast, a ricordare il programma di eventi a cadenza fissa del Castello di Rivoli, per festeggiarne i trent’anni dalla nascita. Ma stavolta era l’ultimo, quello della festa. E il primo museo d’arte contemporanea d’Italia non si è risparmiato, dedicando un’intera giornata ai festeggiamenti. Dalle 10 del mattino fino a notte fonda, ha proposto performances (Stop, Repair, Prepare: Variations on Ode to Joy for a Prepared Piano di Jennifer Allora & Guillermo Calzadilla con il pianoforte suonato “da dentro”e La Profana Azione, un saggio di danza contemporanea con Daniela Pagani a cura di Gianluca Bottoni, ispirata all’ “Elogio della Profanazione” di Giorgio Agamben), convegni come quello sul tempo inattuale, moderato da Gian Luca Favetto e Paolo Verri, che ha visto sfilare diversi personaggi, da Manuel Agnelli a Tiziana Andina e laboratori diurni per bambini. Con una cena-fundraising finale di sostegno al Castello, a cura del Combal.Zero.

L’intera giornata, gratuita e sottotitolata “Sostienedemocrazia”, è stata seguita in live streaming dalla web tv del museo con interviste a cura di Elena Del Drago e dai social media, e accompagnata dalla pioggia di coriandoli dell’opera Confetti Canyon di Lara Favaretto che ha inondato atrio e scale del castello. Ecco qui la fotogallery della festa…

Claudia Giraud

http://www.castellodirivoli.org/

 

 

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).
  • una stupenda storia d’arte, un modello che ha anticipato la sonnolenza italiana