Ecco i sei studi d’architettura finalisti per il progetto del futuro Guggenheim Helsinki. “Miscele impreviste di spazio civico e museo”, da sviluppare entro marzo 2015

Ci siamo: il 2 dicembre è arrivato, e puntuale la giuria rende noti i risultati del lavoro di selezione per scegliere 6 finalisti per il futuro Guggenheim Helsinki, in una rosa iniziale di ben 1715 partecipanti. Le scelte vanno a studi di architettura emergenti in sette differenti paesi (Svizzera, USA, UK, Spagna, Germania, Francia, Australia, […]

La zona del porto di Helsinki, dove sorgerà il Guggenheim

Ci siamo: il 2 dicembre è arrivato, e puntuale la giuria rende noti i risultati del lavoro di selezione per scegliere 6 finalisti per il futuro Guggenheim Helsinki, in una rosa iniziale di ben 1715 partecipanti. Le scelte vanno a studi di architettura emergenti in sette differenti paesi (Svizzera, USA, UK, Spagna, Germania, Francia, Australia, anche se possiedono quasi tutti doppie sedi nel mondo) e offrono nuovi approcci per la progettazione del museo e per l’evoluzione del suo ruolo nel ventunesimo secolo. Molto differenti tra di loro – sia per tipologia che per scelta stilistica – i progetti selezionati hanno in comune la voglia di rendere il museo parte integrante, viva e pulsante della città, luogo dinamico, flessibile e multidisciplinare, aperto a tutti.

Ecco sinteticamente la descrizione dei 6 shortlisted, chiamati a sviluppare la loro idea per marzo 2015:

1. AGPS Architecture Ltd. (Zurigo e Los Angeles) www.agps.ch : il loro museo ricorda una cattedrale sul mare. Scultoree torri di legno racchiudono uno spazio quasi sacrale, vernacolare, raccolto. Un ponte crea raccordo col tessuto urbano e mostra nuovi sorprendenti viste su città e porto;

2. Asif Khan Ltd. (Londra) www.asif-khan.com : un museo che riconfigura la circolazione portuale, ricucendola con la città. E’ pensato come una strada, tra la staticità di un museo tradizionale e il flusso dinamico della vita quotidiana;

3. Fake Industries Architectural Agonism (New York, Barcellona e Sydney) www.fakeindustries.org : il museo è un faro. Le sale espositive sono volumi tra loro indipendenti, frammentati nel paesaggio. Uso del legno carbonizzato nei rivestimenti, che ricorda la rinascita delle foreste dopo un grande incendio;

4. Haas Cook Zemmrich STUDIO2050 (Stoccarda) www.haascookzemmrich.com: la pelle del museo è un etereo drappeggio vetrato, dotato di un elevatissima tecnologia climatica che lo rende uno scrigno prezioso e performante e lo inonda di luce naturale. Inoltre, predispone laboratori per giovani artisti nordici, un parco di sculture indoor e un mercato coperto;

5. Moreau Kusunoki Architect (Parigi) www.moreaukusunoki.com : optano per il dialogo tra le parti. Il piano terra nasce come riuso del Terminal esistente e viene dedicato alla formazione e allo spazio pubblico mentre la parte espositiva vera e propria si erge su palafitte: un unico spazio rettangolare con vista mozzafiato sul mare;

6. SMAR Architecture Studio (Madrid e Western Australia): anche loro riusano la struttura in legno lamellare del Terminal lavorando sul concetto di scatola nella scatola. 31 stanze di dimensioni differenti giocano sull’idea di “cipolla termica”: il museo è una scoperta sostenibile.

Commentando le scelte effettuate, Richard Armstrong, Direttore de della Fondazione Solomon R. Guggenheim Museum ha detto: “[..] La giuria ha scelto sei approcci progettuali profondamente riflessivi, ognuno dei quali apre straordinarie possibilità per il Guggenheim a Helsinki e ci chiede di immaginare quello che un museo del futuro può essere. Siamo entusiasti di vedere i finalisti sviluppare ulteriormente il potenziale dei loro disegni visionari e ringraziamo tutti coloro che hanno contribuito a questa conversazione finora, dai 1.715 concorrenti che hanno creato coinvolgenti e diverse osservazioni alle 200.000 persone che hanno visitato il sito web del concorso“. Mentre Mark Wigley – presidente di giuria, Professore e Decano emerito della Graduate School of Architecture, Planning and Preservation della Columbia University di NY – ha detto “ognuno dei finalisti offre un modo distintivo e originale per creare nuovo spazio pubblico per Helsinki, e sfida il Guggenheim a sviluppare modelli senza precedenti di programmazione del museo. Alcuni disegni fanno uso audace del Terminal Makasiini esistente. Alcuni propongono invece miscele impreviste di spazio civico e museo, o spazi espositivi più tradizionali che si giustappongono con nuove creazioni non ancora immaginate. Le soluzioni selezionate sono un convincente primo passo, e siamo impazienti di vedere come saranno più pienamente esplorate nella prossima fase del concorso“.

Giulia Mura

CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.