Un’art fair e due nuovi musei. Singapore entra alla grande nell’artworld: si parte dalla fiera, specializzata in arte del Medio Oriente, Nord Africa, Sud e Sud-Est asiatico

Singapore nuovo epicentro dell’arte moderna e contemporanea. La ruggente città-stato, dove si è appena tenuta l’edizione asiatica di MIA Fair, ospiterà infatti nei prossimi giorni, dal 27 al 30 novembre, la prima edizione della Singapore Art Fair. Allestita nella sede del Suntec Singapore Convention & Exhibition Centre, la manifestazione si pone come la prima fiera […]

Il Suntec Singapore Convention & Exhibition Centre, sede della fiera

Singapore nuovo epicentro dell’arte moderna e contemporanea. La ruggente città-stato, dove si è appena tenuta l’edizione asiatica di MIA Fair, ospiterà infatti nei prossimi giorni, dal 27 al 30 novembre, la prima edizione della Singapore Art Fair. Allestita nella sede del Suntec Singapore Convention & Exhibition Centre, la manifestazione si pone come la prima fiera d’arte moderna e contemporanea in Asia a concentrarsi sul ME.NA.SA., acronimo che sta per Medio Oriente, Nord Africa, Sud e Sud-Est asiatico. L’edizione inaugurale coinvolge una sessantina di gallerie provenienti dall’area, e conta 230 artisti fra cui alcuni già affermati e altri emergenti e una ventina di personali di artisti che presentano per la prima volta il proprio lavoro in un contesto internazionale. Spettacoli interattivi e multimediali, convegni, workshop, installazioni e performance, piattaforme tematiche e anteprime assolute, completano il fitto programma culturale di una manifestazione che vuole divenire un’iniziativa artistica iconica per tutta l’Asia.
Ideata e diretta da Laure d’Hauteville, già a capo della Beirut Art Fair, e organizzata da Orchilys Pte Ltd e Cedralys, la fiera è pensata per offrire ai visitatori una panoramica ampia e variegata del mercato dell’arte asiatico e mediorientale. Fra gli artisti presenti in fiera vi sono Ahmed Mater, Ali Cherri, Atef Maatallah, Hicham Benohoud, Gwon Osang, Kazuo Shiraga, Roger Moukerzel, Chua Boon Kee, Hong Zhu An, Zhu Wei, Wang Keping e Dato’ Ibrahim Hussein. A completare il programma il Padiglione dedicato a creazioni del Medio Oriente e del Nord Africa curato da Catherine David, e il Padiglione libanese diretto da Janine Maamari. Nel corso della manifestazione sono inoltre previste visite in anteprima alla Singapore Pinacothèque de Paris e alla National Gallery Singapore, realtà museali che apriranno ufficialmente le porte al pubblico nel 2015 e che sottolineano l’importanza sempre crescente della città-stato nel panorama artistico internazionale.

Chiara Cecutta

http://www.singapore-art-fair.com/