Lo Strillone: su La Repubblica Salvatore Settis, polemista per Einaudi, si lamenta di Venezia soffocata dal turismo. E poi amarcord Antonicelli, Alda Merini…

Corriere della Sera ricorda Franco Antonicelli, intellettuale d’altri tempi, nel quarantesimo anniversario della scomparsa; idem per La Stampa, che dedica alla ricorrenza l’apertura della pagina della cultura. Recensione su La Repubblica per il pamphlet con cui Salvatore Settis piange il degrado che ammorba la Laguna: titolo emblematico per il suo Se Venezia muore (Einaudi). Diritto […]

Quotidiani
Quotidiani

Corriere della Sera ricorda Franco Antonicelli, intellettuale d’altri tempi, nel quarantesimo anniversario della scomparsa; idem per La Stampa, che dedica alla ricorrenza l’apertura della pagina della cultura. Recensione su La Repubblica per il pamphlet con cui Salvatore Settis piange il degrado che ammorba la Laguna: titolo emblematico per il suo Se Venezia muore (Einaudi).

Diritto d’autore ai tempi di internet, se ne discute su Il Sole 24Ore; una breve su Libero per la mostra che ricorda Alda Merini. Luca Beatrice per Il Giornale legge in anteprima la Shit and Die di Maurizio Cattelan.

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.