Lo Strillone: la crisi uccide i teatri, così il direttore del Piccolo di Milano a Il Sole24ore. E poi Rockwell, asta per Koons…

Addio teatri: futuro nero quello prospettato dal direttore del Piccolo di Milano, Sergio Escobar, in una intervista a Il Sole 24Ore. Tagli alle sovvenzioni e difficoltà finanziarie minano non questa o quella istituzione, ma l’intero sistema. I palazzi barocchi di Roma? Enigmatici come sfingi e piramidi: appassionato canto d’amore all’Italia e alle sue bellezze storico-artistiche […]

Quotidiani
Quotidiani

Addio teatri: futuro nero quello prospettato dal direttore del Piccolo di Milano, Sergio Escobar, in una intervista a Il Sole 24Ore. Tagli alle sovvenzioni e difficoltà finanziarie minano non questa o quella istituzione, ma l’intero sistema.

I palazzi barocchi di Roma? Enigmatici come sfingi e piramidi: appassionato canto d’amore all’Italia e alle sue bellezze storico-artistiche per André Aciman: su La Repubblica una lunga intervista allo scrittore. Anche Naomi Campbell, Sofia Coppola, Drew Barrymore e naturalmente Larry Gagosian nella breve che annuncia da Corriere della Sera l’asta benefica di domenica scorsa a New York: la vendita di opere di Jeff Koons porta cinque milioni e mezzo per comprare vaccini salvavita ai bambini poveri.

E se Dan Brown avesse ragione? Taglio basso su La Stampa per il Vangelo apocrifo fresco di nuova interpretazione (si presenta domani alla British Library), dove si legge che Cristo sposò Maddalena. Le illustrazioni fifties di Norman Rockwell in mostra a Roma e su Libero.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.