Lo Strillone: il sindaco grillino chiude il Museo Guttuso, polemica su La Repubblica. E poi la collezione Gurlitt a Berna, Museo Correr…

Ci lavorano in venticinque, tutti stipendiati dalle casse di un comune al collasso: quello di Bagheria, che chiude temporaneamente il Museo Guttuso, ente che brucia 420mila euro l’anno a fronte di appena 20mila euro di incassi. Un fondo su La Repubblica dà conto della vicenda e delle annesse polemiche, con il giovane sindaco grillino della […]

Quotidiani
Quotidiani

Ci lavorano in venticinque, tutti stipendiati dalle casse di un comune al collasso: quello di Bagheria, che chiude temporaneamente il Museo Guttuso, ente che brucia 420mila euro l’anno a fronte di appena 20mila euro di incassi. Un fondo su La Repubblica dà conto della vicenda e delle annesse polemiche, con il giovane sindaco grillino della città che progetta l’affidamento della struttura ai privati.

La Collezione Gurlitt al Museo di Berna: apertura di pagina su La Stampa per la prossima collocazione delle milleduecento opere sottratte dal gerarca nazista alle famiglie ebree perseguitate durante la Seconda Guerra Mondiale. E un fondo evoca la storia di Jacques Jaujard, che salvò la Gioconda dalle mire di Hitler.

Da Mantegna a Canaletto: preziosissimi  i disegni dei maestri di area veneta, dal Rinascimento all’Ottocento, in arrivo dalla National Gallery di Londra in mostra al Museo Correr, come anticipa una breve su Corriere della Sera; c’è Guido Veneziani, editore di riviste femminili e testate di gossip, dietro il progetto di ennesima resurrezione de L’Unità presentato da Franco Bechis su Libero.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.