Essere 10, 100, 1000 John Malkovich. Il fotografo Sandro Miller moltiplica l’identità del celebre attore: eccolo, a Chicago, nei panni di Warhol, Marylin, Dalì…  

Intenso, versatile, poliedrico, una faccia inconfondibile e una maniera di stare sul set che è solo dei maestri. John Malkovich è uno dei più grandi attori viventi. Un’icona dei cinema statunitense, che ha regalato al mondo interpretazioni tutte diverse, tutte geniali, vivificate da una consapevolezza attoriale maturata fra il teatro e il grande schermo, capace […]

Philippe Halsman - Salvador Dalí (1954), 2014 - by Sandro Miller, 2014

Intenso, versatile, poliedrico, una faccia inconfondibile e una maniera di stare sul set che è solo dei maestri. John Malkovich è uno dei più grandi attori viventi. Un’icona dei cinema statunitense, che ha regalato al mondo interpretazioni tutte diverse, tutte geniali, vivificate da una consapevolezza attoriale maturata fra il teatro e il grande schermo, capace di mille sfumature, timbri, misure. Eleganza e carattere, da perfetto istrione.
Non è un caso che il fotografo Sandro Miller abbia scelto lui per il suo ultimo progetto. Un esperimento ludico, sui temi della citazione, del rapporto tra copia e originale e del trasformismo scenico. I due si conoscevano da tempo, in verità. Un’amicizia nata intorno a un palco, nel 1990, mentre lavoravano allo Steppenwolf Theater. E rieccoli, dopo molti anni, a condividere un’idea folle e seducente, che di esprit teatrale è impregnata e che con tutto il rischio di cadere nella parodia e nel grottesco, ha invece azzeccato la chiave giusta.
Malkovich interpreta alcuni personaggi iconici del Novecento, secondo le versioni di altrettanti grandi fotografi: dal Truman Capote o il Pabo Piacasso di Irving Penn alla Marilyn Monroe di rose vestita fotografata da Bert Stern; dall’autoritratto con pistola di Robert Mapplethorpe  a John Lennon avvinghiato a Yoko Ono, nella celebre foto di Annie Leibovitz; da un compassato Alfred Hitchock con un’oca spennata in mano, nel mitico scatto di Albert Watson, alla linguaccia di Albert Einstein catturata da Arthur Sasse; dall’immortale Che Guevara di Alberto Korda  al Jack Nicholson in versione Joker immortalato da Herb Ritts. E poi alcuni ritratti di gente comune, divenuti icone della fotografia di tutti i tempi: le gemelline di Diane Arbus, la madre migrante di Dorothea Lange, l’apicoltore di Richard Avedon.

Pierre et Gilles - Jean Paul Gaultier (1990) - by Sandro Miller, 2014
Pierre et Gilles – Jean Paul Gaultier (1990) – by Sandro Miller, 2014

Operazione doppia, che affida al talento di Miller e all’intensità di Malkovich l’interpretazione di volti, di identità ma anche e soprattutto di straordinarie fotografie. L’attore diventa opera, prima che soggetto.
A colori e in bianco e nero, bellissime e spiazzanti, le foto le vedete alla Edelman Gallery di Chicago, dal 7 novembre al 31 gennaio 2015, in una mostra dal titolo provocatorio “Malkovich, Malkovich, Malkovich”. Come dire, molte facce ma un solo nome. Essere John Malkovich – dal un suo straordinario film del 1999, candidato a tre premi Oscar – essendo altre dieci, cento, mille immagini. In fondo, uno statement azzeccato per ogni attore di talento: in quella capacità di trasformarsi, diventando personaggio fino alle estreme conseguenze, resta sempre il tratto singolare delle grandi personalità, a fare la differenza. John Malkovich nella pelle di Andy Warhol, Bette Davis, Jean Paul Gaultier, Salvador Dalì, come nessuno mai: identico, ambiguo e differente. Unico e molteplice, una volta ancora.

– Helga Marsala

Catherine Edelman Gallery
300 W. Superior St. – Chicago
www.edelmangallery.com

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.