Ecco in anteprima le immagini della prima mostra di Fabio Cavallucci da direttore del Pecci. Nella sede milanese arriva l’americana Suzanne Lacy: con due imperdibili performance live

È la prima antologica europea dell’artista americana Suzanne Lacy (1945, Wasco, California, Stati Uniti), e il titolo Gender Agendas riassume un percorso che comprende lavori storici e più recenti, dando vita ad una raccolta dal carattere delicatamente di denuncia, supportato da un’intensità narrativa sostenuta, di ricerca e di riappropriazione. Tema generale, l’identità di genere. La […]

È la prima antologica europea dell’artista americana Suzanne Lacy (1945, Wasco, California, Stati Uniti), e il titolo Gender Agendas riassume un percorso che comprende lavori storici e più recenti, dando vita ad una raccolta dal carattere delicatamente di denuncia, supportato da un’intensità narrativa sostenuta, di ricerca e di riappropriazione. Tema generale, l’identità di genere. La mostra che si inaugura il 13 novembre al Museo Pecci di Milano prende inizio con un inno al tempo, un video mostrato dal monitor di un vecchio televisore, girato di una performance del 1975, Construction of a Novel Frankenstein.
In attesa della riapertura della rinnovata sede di Prato, prevista per la primavera 2015, il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci riparte con una nuova stagione nella sua succursale distaccata milanese. Con questa prima ricognizione, Fabio Cavallucci inizia il proprio mandato di direttore artistico e battezza la programmazione milanese futura, dedicata a protagonisti dell’arte internazionale che abbiano svolto ricerche pionieristiche negli anni Sessanta, Settanta e Ottanta. All’inaugurazione e in occasione dell’incontro con l’artista in programma venerdì 14 novembre sarà riproposta la celebre performance Three Weeks in May, realizzata per la prima volta nel 1977 nello shopping center del municipio di Los Angeles. Noi l’abbiamo vista in anteprima, trovate le immagini nella fotogallery assieme a una panoramica della mostra…

– Ginevra Bria

Inaugurazione: giovedì 13 novembre 2014 – ore 19
Dal 13 novembre 2014 al 6 gennaio 2015
Museo Pecci Milano,
Ripa di Porta Ticinese 113 – Milano
www.centropecci.it

 

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.