Dalla California alla Puglia. Fra tecnologia, impresa ed ecologia, il Futuro è già qui: idee, incontri e testimonianze nella terza edizione del TEDxLecce

Una manifestazione che è nata in California oltre trent’anni fa come una conferenza annuale, e ha poi allargato gli orizzonti diffondendosi in oltre 130 paesi e in 1200 città in tutto il mondo. Si è appena tenuta la terza edizione del TEDXLecce, che ha visto salire sul palco del Teatro Politeama Greco – nel cuore […]

Una manifestazione che è nata in California oltre trent’anni fa come una conferenza annuale, e ha poi allargato gli orizzonti diffondendosi in oltre 130 paesi e in 1200 città in tutto il mondo. Si è appena tenuta la terza edizione del TEDXLecce, che ha visto salire sul palco del Teatro Politeama Greco – nel cuore del capoluogo salentino – diciotto relatori che, a turno, hanno spiegato la loro idea di futuro, tema scelto per l’edizione 2014. TED, infatti, nasce come organizzazione no-profit con l’obiettivo di diffondere idee di valore: durante la conferenza i protagonisti internazionali del “fare” e del “pensare” sono invitati a raccontare la loro testimonianza e le loro idee in un tempo stabilito di massimo diciotto minuti. Da questa esperienza di successo nasce il TEDx, un programma di eventi locali, che ripropone l’esperienza del TED. Dopo “Innovazione e imprenditorialità” e “Coraggio”, nella terza edizione della rassegna è il “Futuro”, la parola chiave intorno a cui si è appunto snodata la riflessione.
Futuro inteso come nuovi orizzonti della tecnologia e della scienza – tema affrontato dagli speaker Amedeo Balbi, Cesare Cacitti, Chiara Giovenzana (Singolarity University), Matteo Ruina. Futuro inteso come nuove prospettive in campo umanitario e sociale di cui hanno parlato Alexander Aleinikoff (vice Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati), Lina Ben Mhenni (attivista blogger tunisina), Giuseppe Onufrio (direttore esecutivo di Greenpeace Italia). Futuro inteso, ancora, come possibilità di innovazione nel modo di fare impresa, argomento su cui hanno raccontato le loro esperienze Nick Difino e Tim West (food hacker), Maria Letizia Gardoni (presidente di Coldiretti Giovani), Bill Niada, Antonio Perdichizzi, Angelo Petrosillo. Futuro e bambini negli esperimenti innovativi di Cinzia Cattoni (responsbile del Muba – Museo dei Bambini Milano) e di Carmelo Presicce (attivista Coderdojo Italia). Infine, Dino Amenduni (giornalista, social media manager), Alessandra Beccarisi (filosofa) e Omar Argentino Galvàn (attore improvvisatore) hanno riflettuto sul significato del termine futuro.
Oltre alla conferenza, la versione leccese del Tedx è accompagnata da una variante: XOff. Conversazioni sul futuro, un contenitore di eventi collaterali (workshop, panel, incontri e dibattiti) che accompagnano la manifestazione principale del TedX anticipandola nei giorni precedenti e completandola nei giorni successivi. TEDxLecce era organizzato dall’associazione “Diffondere idee di valore” con la direzione di Gabriella Morelli e Vito Margiotta e il coordinamento di Laura Casciotti. Ne vediamo alcuni momenti nella fotogallery…

– Patrizia Capoccia

 

 

CONDIVIDI
Patrizia Capoccia
Patrizia Capoccia (Lecce, 1984) ha studiato all’Università del Salento dove ha conseguito la laurea specialistica in Scritture Giornalistiche e Multimedialità, dopo aver completato gli studi presso la facoltà di Scienze della Comunicazione dello stesso ateneo. Lavora come redattrice al quotidiano ilpaesenuovo.it con una cura particolare per la sezione cultura e spettacoli. Si interessa in modo specifico alla scena musicale indie italiana attraverso le interviste ai protagonisti e i concerti. Appassionata di fotografia, frequenta corsi e partecipa a workshop. Il genere prediletto è il fotogiornalismo, oggetto, fra l’altro, della tesi di laurea specialistica. Nell’ultimo periodo si accosta anche alla fotografia di spettacolo documentando attraverso le immagini le esibizioni dal vivo in tutta la provincia leccese.