Art and craft, a Milano. Nasce Esh Gallery, nuovo spazio dedicato al design e alle sue contaminazioni, fra tradizione e gusto contemporaneo 

Arriva dal mondo dell’antiquariato, con una conoscenza speciale dell’art market dell’Est. Un’esperienza importante a Londra, come Specialist presso il dipartimento Arte Orientale di Sotheby’s e poi il ritorno in Italia. A Milano Riccardo Sorani decide di aprire un suo spazio. Inizia così, dal 27 novembre, l’avventura di Esh Gallery, contenitore dedicato all’arte e al design, […]

Yojchiro Kamei

Arriva dal mondo dell’antiquariato, con una conoscenza speciale dell’art market dell’Est. Un’esperienza importante a Londra, come Specialist presso il dipartimento Arte Orientale di Sotheby’s e poi il ritorno in Italia. A Milano Riccardo Sorani decide di aprire un suo spazio. Inizia così, dal 27 novembre, l’avventura di Esh Gallery, contenitore dedicato all’arte e al design, in cui si avvicenderanno autori italiani ed internazionali, puntando soprattutto su progetti di natura ibrida: arti visive, artigianato, arti applicate e decorative, mettendo a confronto i materiali della tradizione – ceramica, vetro,  metallo – elementi di natura organica e forme contemporanee. Opere preziose, in cui centrale sia il valore aggiunto del fatto a mano, in una commistione tra ricerca attuale e background tradizionale, tra funzionalità e bellezza pura.  “Ho sempre apprezzato il valore degli oggetti antichi e la forza che ne scaturisce nell’atto del collezionarli”, ha raccontato ad Artribune Sorani. “È da questa pulsione che ho voluto occuparmi di quello che potrebbe considerarsi il “corrispondente contemporaneo” dell’oggetto d’arte antico: opere uniche con inequivocabile valore e significato artistici, realizzati con abilità e tecnica superiore. Una sorta desiderio coincidente con ciò che le realizzazioni legate ai principali stili decorativi del Novecento (Art Nouveau, Art and Crafts, Modernismo ecc.) hanno rappresentato per la società di quell’epoca“.

Yojchiro Kamei
Yojchiro Kamei

E la clientela? A chi si rivolge Esh? “Il target di riferimento è abbastanza giovane – i prezzi sono piuttosto contenuti per questa tipologia di opere –, collezionisti desiderosi di possedere qualcosa che possa dare più soddisfazione di un brand di design. La crisi dell’antiquariato oggi è palpabile  e io mi propongo di offrire una scelta alternativa alle nuove generazioni. Le opere a cui mi sono interessato e che proporrò in futuro hanno un innegabile valore decorativo, ma non per questo devono considerarsi “minori”.
Si parte con la doppia personale del giapponese Yojchiro Kamei e dell’italiano Marco Paghera, dal titolo“Codici Spaziali”. Kamei, classe 1974, vincitore del Grand Prize all’Asahi Ceramics Fair, presenta la sua serie Ricettacoli, in cui emerge l’eccellenza artigianale maturata nel campo della ceramica: abilità tecnica e gusto minimalista di radica orientale, per delle micro architetture geometriche poligonali, giocate tra disequilibri, piani luminosi e reiterazioni modulari.
Con lui si relaziona Paghera,nato a Brescia nel 1980, che sceglie invece il metallo. Dialogo  che funziona, nella contrapposizione tra lucido e opaco, ma anche nell’affinità strutturale: le sue Introspezioni sono paesaggi mentali dinamici, in cui si articolano cellule cubiche o superfici quadrate, assemblate ordinatamente. In mostra fino al prossimo 24 dicembre.

– Helga Marsala

Codici Spaziali
opening: 27 novembre h 18.30
fino 24 dicembre 2014
Esh Gallery – Via Forcella 7, Milano
www.eshgallery.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.