Vi piace la nuovissima Fondazione Vuitton di Parigi disegnata da Frank O. Gehry? Tutte le foto dell’edificio che inaugura tra venti giorni nella capitale

Le informazioni di carattere generale ve le abbiamo già date da un bel po’ da qualche mese. Ora il progetto è ultimato anche nei dettagli, e noi ci andiamo a dare ancora uno sguardo con une ricca fotogallery. Riassumento: parliamo della nuova sede della Fondation Louis Vuitton progettata a Parigi da Frank Gehry, pronta ormai […]

La nuova Fondation Louis Vuitton, a Parigi

Le informazioni di carattere generale ve le abbiamo già date da un bel po’ da qualche mese. Ora il progetto è ultimato anche nei dettagli, e noi ci andiamo a dare ancora uno sguardo con une ricca fotogallery. Riassumento: parliamo della nuova sede della Fondation Louis Vuitton progettata a Parigi da Frank Gehry, pronta ormai per l’inaugurazione il prossimo 27 ottobre, negli ultimi giorni della settimana di FIAC. Parliamo di qualcosa come 12mila metri quadrati di superfici, per i quali pare che mister Bernard Arnault abbia speso 100 milioni di euro: una struttura destinata a ospitare la collezione e produrre mostre temporanee, offrendo nel suo “auditorium modulabile” eventi culturali a 360 gradi. In attesa del grande evento, le immagini…

www.fondationlouisvuitton.fr

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • L’impressione esterna è sicuramente molto suggestiva, forse la gestione degli spazi un poco più complessa e non proprio perfetta, ma qui il gesto architettonico è forte e come forse è successo a Bilbao molto invasivo in un contesto espositivo.