Un’icona romantica per “Milano città al bacio”. Il bacio di Francesco Hayez, da Brera ad Expo. Un progetto di comunicazione, tra arte, gastronomia, creatività

Milano? Una città “al bacio”.Fatta di eccellenze, di tesori d’arte e di talenti, di occasioni di sviluppo e di passione. Così si racconta, Milano, anche e soprattutto nei giorni di Expo e in quelli che la conducono all’agognata meta del 2015. E si chiama proprio “Milano città al bacio” il nuovo progetto di comunicazione lanciato […]

Francesco Hayez, Il bacio, 1859 - olio su tela, 112 x 88 cm

Milano? Una città “al bacio”.Fatta di eccellenze, di tesori d’arte e di talenti, di occasioni di sviluppo e di passione. Così si racconta, Milano, anche e soprattutto nei giorni di Expo e in quelli che la conducono all’agognata meta del 2015. E si chiama proprioMilano città al bacio” il nuovo progetto di comunicazione lanciato da un network di imprese meneghine – in collaborazione conlaSoprintendenza per i Beni Storici e Artistici di Milano, l’Accademia di Belle Arti di Brera e la Boscolo Etoile Academy – per contribuire ad alimentare l’esprit culturale e internazionale alla base di Expo e della stessa “milanesità”.
Tutto parte dall’iconico Il bacio di Francesco Hayez, dipinto conservato dalla Pinacoteca di Brera, che immortala un impetuoso abbraccio d’amore tra un cavaliere e la sua dama: l’immagine dell’eros romantico in pittura, per eccellenza. Intorno a questo tesoro, simbolo di una delle principali raccolte d’arte cittadine, si svilupperanno una serie di azioni creative pensate per il territorio e portate avanti dalle imprese che aderiscono al progetto.

Milano città al bacio - conferenza per il lancio del progetto
Milano città al bacio – conferenza per il lancio del progetto

Coinvolti gli studenti dell’Accademia di Brera, le cui opere, realizzate a partire dal quadro di Hayez, saranno valorizzate da un pacchetto di mostre itineranti, durante il periodo di Expo, per essere poi vendute all’asta: il ricavato andrà alla Fondazione Casa della Carità di Don Virginio Colmegna.
E non poteva mancare l’elemento food, in accordo col tema della grande Esposizione Universale. Il maestro pasticcere Rossano Boscolo, insieme agli studenti della Etoile Academy, ha ideato un dolce, con tanto di packaging originale, da proporre ai visitatori durante le iniziative della manifestazione: un’interpretazione creativa della tradizione dolciaria milanese. E poi I Sentieri di Milano città al bacio, un calendario di sei eventi – uno per ogni mese di Expo 2015 – connetterà suggestioni musicali, artistiche, gastronomiche, lungo percorsi urbani e culturali.
Tutte le aziende che parteciperanno con eventi ed azioni mirate, entreranno nel circuito di comunicazione dell’iniziativa, ricevendo anche un kit espositivo con i due elementi clou: una riproduzione della tela di Hayez e il dolce “Il Bacio di Milano”, per degustazioni esclusive.

www.milanocittaalbacio.it

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.