Palazzo Pitti compie cento anni. A Firenze la Galleria d’arte moderna festeggia con Capogrossi, Burri, Casorati, De Chirico, Severini, Rosai. Per l’ultima mostra dell’era Acidini

Mancano ancora due mesi alla fine del 2014, eppure non è prematuro affermare come questo sia stato, per Firenze, l’anno della riscoperta dell’arte del secolo scorso. L’apertura del Museo Novecento a giugno, e l’appena inaugurata Luci del ‘900, ultima mostra del programma espositivo annuale “Un Anno ad Arte”, convergono infatti nella medesima direzione. Non a […]

Mancano ancora due mesi alla fine del 2014, eppure non è prematuro affermare come questo sia stato, per Firenze, l’anno della riscoperta dell’arte del secolo scorso. L’apertura del Museo Novecento a giugno, e l’appena inaugurata Luci del ‘900, ultima mostra del programma espositivo annuale “Un Anno ad Arte”, convergono infatti nella medesima direzione. Non a caso la Soprintendente (dimissionaria) Acidini, nel corso delle presentazione di questo appuntamento che celebra il secolo di vita della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, ha parlato di “accelerazione nella trattazione del Novecento”, in una città nella quale “il grande passato non è ancora adeguatamente affiancato da quell’ultimo tassello con il quale si arriverebbe fino all’arte dei nostri giorni”.
Frutto di lasciti, premiate nelle varie edizioni del “Premio del Fiorino”, acquistate in occasione delle Biennali di Venezia (dal 1925 al 1945), della Quadriennale di Roma del 1935 o presso la locale Società di Belle Arti, le opere esposte sono 120, tra sculture e dipinti, di cui 88 sono state oggetto di restauro per l’occasione. Curata da Simonella Cordemi ed Ettore Spalletti, la mostra si sviluppa secondo la data dell’acquisizione da parte del museo, presentando i più significativi interpreti della cultura figurativa italiana del ‘900 come Casorati, De Chirico, De Pisis, Severini, Capogrossi, Peyron, Rosai, cui si uniscono esponenti del gruppo del “Novecento toscano”, per raggruppamenti temporali. Un’estensione di “Luci del ‘900” aprirà i battenti il mese prossimo, con un’ampia selezione delle opere di grafica presentate durante l’Esposizione Internazionale del Bianco e Nero, tenutasi a Firenze nel 1914.

– Valentina Silvestrini

Dal 28 ottobre 2014 all’8 marzo 2015
Firenze, Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti
www.unannoadarte.it

CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Architetto con specializzazione in allestimento e museografia, si è formata presso l’Università La Sapienza e la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia". Ha intrapreso il proprio percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi.​ ​È stata assistente alla progettazione di mostre presso lo studio “Il Laboratorio srl” (Roma, 2004/2007); ha svolto un internship all’ufficio Eventi Speciali di Pitti Immagine srl (Firenze, 2008). All’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero (Roma, 2008/2010) ha ricoperto il ruolo di assistente alla progettazione di layout espositivi e alla direzione lavori, recandosi in centri espositivi ​in Giappone, Russia e Germania. ​Ha curato il coordinamento eventi e ​la​​​ comunicazione​ della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura (Perugia, 2011)​.​ ​​​​​Ha scritto e scrive per ​Abitare, ​abitare.it, ​domusweb.it, ​Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa e Cosebelle Magazine, di cui è caporedattrice design.​ ​Dal 2012 collabora con Artribune​.​