Italiani in trasferta. Angelo Bellobono a New York: viaggio fra le terre degli Indiani Lenni Lenape. Meditazioni pittoriche sul paesaggio e l’inquinamento

Viaggiatore, sciatore, esploratore di montagne, cultore di luoghi incontaminati e narratore per immagini. Uno che l’arte la frequenta facendone canale di contatto col mondo, strumento di lettura geografica, di avventura sociale, di esperienze affettive. Angelo Bellobono usa la pittura, il disegno, l’installazione, così come usa le parole, l’arte del racconto, i suoi sci e la […]

Angelo Bellobono, Before me and after my time, 183x183 - dittico - acrylic, glue and Lenape's soil polluted by Ford plants on canvas - 2014

Viaggiatore, sciatore, esploratore di montagne, cultore di luoghi incontaminati e narratore per immagini. Uno che l’arte la frequenta facendone canale di contatto col mondo, strumento di lettura geografica, di avventura sociale, di esperienze affettive. Angelo Bellobono usa la pittura, il disegno, l’installazione, così come usa le parole, l’arte del racconto, i suoi sci e la sua empatia umana. Infaticabile globetrotter, sedotto dalle alture e dalla rigidità di climi freddi, si muove tra gli Usa ed il Marocco, da un paio d’anni, avendo impiantato tra gli altipiani del Nord Africa uno straordinario progetto di taglio relazionale, in forma di piattaforma interdisciplinare condivisa, chiamatoAtla(s)now. Tra residenze di artisti e curatori, mostre, laboratori artistici e sportivi, momenti di creatività con gli adulti e i bambini dei villaggi ai piedi del monte Atlas, musei a cielo aperto, questo lavoro ha orientato il suo rapporto d’amore con una terra aspra e seducente, inaugurando una ricerca estetica, antropologica e geologica che  prosegue ancora in altre direzioni.
“Before me and after my time”, mostra newyorchese che raccoglie, negli spazi di E.R. Butler & co., il suo utimo progetto artistico, indaga ancora una volta i concetti di appartenenza e identità, documentando le lente trasformazioni di uomini e territori. Alla base alcuni dati scientifici: gli Appalachi americani, che abbracciano New York, e l’Atlante marocchino, all’origine dei tempi erano parte di una stessa grande catena del supercontinente Pangea. 150 milioni di anni fa, a seguito della  frattura delle placche tettoniche, si crearono due gruppi montuosi separati, divisi dall’Oceano Atlantico.

Angelo Bellobono insime a due capi indiani Lenni Lenape
Angelo Bellobono insime a due capi indiani Lenni Lenape

Sul filo di questo straordinario link, e guardando verso l’origine mitica del pianeta terra, l’artista si mette in contatto con i discendenti degli Indiani Lenni Lenape, tra i primi abitanti di New York, già 10.000 anni fa arrivati a “Manna Hatta – l’isola dalle molte colline”, l’attuale Manhattan. Oggi stanziali tra Ringwood e Mahwah, sui Monti Ramapo del New Jersey, questi popoli combattono con la morsa dell’inquinamento che minaccia le loro terre e che li condanna a gravi malattie. Le opere, rappresentazioni pittoriche di paesaggi montani americani, cariche di forza gestuale e di lirismo grafico, contengono tracce di materiali raccolti nell’area in cui vivono i Lenni Lenape, quasi interamente scorie di un vicino impianto della Ford. Immagini affidate a bianchi pastosi, neri densissimi, blu petrolio e bruni seppia, in cui convivono potenza e fragilità, degrado e bellezza, senso de sacro e scandalosa violenza.

 – Helga Marsala

Angelo Bellobono, Before me and after my time
fino al 22 novembre   2014
E.R. Butler & co. – 55 Prince st., New York

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.