Italia protagonista in Sudafrica. Dopo Madrid, Istanbul, Pechino, Bilbao, San Francisco e Santiago del Cile, approda a Cape Town la mostra itinerante The New Italian Design

Nel 1972 il MoMA di New York organizzava Italy: The New Domestic Landscape, quella che può essere considerata la prima grande mostra del design italiano, occasione di promozione internazionale di un metodo, ma soprattutto di una concezione di fare progetto. A più di quarant’anni di distanza The New Italian Design, mostra itinerante presentata per la […]

Nel 1972 il MoMA di New York organizzava Italy: The New Domestic Landscape, quella che può essere considerata la prima grande mostra del design italiano, occasione di promozione internazionale di un metodo, ma soprattutto di una concezione di fare progetto. A più di quarant’anni di distanza The New Italian Design, mostra itinerante presentata per la prima volta nel 2007 presso la Triennale di Milano, ribadisce la posizione centrale della progettualità italiana, mettendo però in luce il sostanziale cambiamento di ruolo del designer nel passaggio tra XX e XXI secolo. Dopo le tappe di Madrid, Istanbul, Pechino, Bilbao, San Francisco e Santiago del Cile, la mostra approda negli spazi del Waterfront Lookout di Cape Town, in Sud Africa, dove sarà visitabile dal 5 al 25 ottobre 2014.
Le musiche di Nino Rota accompagnano la visione dei progetti di 133 designer italiani contemporanei, che documentano le trasformazioni e le innovazioni del nostro secolo. Tra questi un posto di primo piano non può non averlo la tecnologia del 3D Printing, le cui potenzialità solo adesso cominciano ad essere pienamente esplorate. Un esempio? L’azienda trentina .exnovo presenta la lampada Rhizaria Tabledi Francesca Lanzavecchia e Hunn Wai, realizzata in polimero sinterizzato e vetro di murano, che trae ispirazione dai semplici organismi primordiali, in grado di creare minuscole strutture perfettamente complesse.

– Daniele Barosi

 

 

CONDIVIDI
Daniele Barosi
Daniele Barosi (Pietrasanta, 1978) è Interior Designer e Home Stager. Laureato e specializzato presso il Politecnico di Milano, dal 2008 collabora attivamente come supporto all’insegnamento all’interno di laboratori, corsi e workshop inerenti al design e all’arte contemporanea. È appassionato di musica, fotografia, arte e cinema; lettura e scrittura; viaggiare e conoscere.