Idea Finesettimana. Un salto a Reggio Emilia, per volare sulla luna con l’Orlando Furioso. Grandi artisti del Novecento rivedono il mito dell’Ariosto

Maestri come Tiziano e Guido Reni, Fragonard, Ingres e Gustav Doré, lo celebrano in pittura, soprattutto concentrandosi sulle gesta amorose; il teatro ne indagò la narrazione con soluzioni drammaturgiche innovative, come nella la memorabile messa in scena di Luca Ronconi e Sanguineti nel 1969; e la letteratura, naturalmente, ne ha curato traduzioni ed edizioni d’ogni […]

Guido Crepax

Maestri come Tiziano e Guido Reni, Fragonard, Ingres e Gustav Doré, lo celebrano in pittura, soprattutto concentrandosi sulle gesta amorose; il teatro ne indagò la narrazione con soluzioni drammaturgiche innovative, come nella la memorabile messa in scena di Luca Ronconi e Sanguineti nel 1969; e la letteratura, naturalmente, ne ha curato traduzioni ed edizioni d’ogni sorta. Parliamo di un mito assoluto dell’epica cavalleresca: l’Orlando Furioso, capolavoro di Ludovico Ariosto. Opera moderna, sorprendentemente ispirata, intrisa di storia e di immaginazione, di incantesimi e attorcigliamenti di trame.
Quarant’anni fa, nel 1974, Reggio Emilia celebrava il cinquecentesimo anniversario  della nascita dell’Ariosto, concittadino eccellente. Oggi, ricordando la lunga serie di iniziative che connotarono quell’occasione – tra cui una grande esposizione a Palazzo dei Diamanti di Ferrara – si torna a rendere omaggio al poeta, con una nuova mostra, a cura di Sandro Parmiggiani. La sede è quella di Palazzo Magnani, nobile architettura cinquecentesca edificata  nel cuore di Reggo Emilia e convertita ad usi espositivi.

Palazzo Magnani - loggia primo piano
Palazzo Magnani – loggia primo piano

Qui, partendo dalla preziosa collezione delle edizioni del Furioso di proprietà della locale Biblioteca Panizzi, si fa un tuffo nel passato più recente, indagando le influenze esercitate dal poema  su alcuni tra i più importanti artisti contemporanei, italiani e stranieri: artisti come Tullio Pericoli, Emilio Isgrò, Mimmo Palladino , Sandro Chia, Enzo Cucchi, Piero Pizzi Cannella, Franco Vaccari, Claudio Parmiggiani, Antonio Seguí e Joe Tilson;  illustratori e autori di fumetti, tra cui Lorenzo Mattotti, Gianluigi Toccafondo, Giuseppe Camuncoli, Matteo Casali, Paolo Bacilieri, Tuono Pettinato, Francesca Ghermandi, Guido Crepax, fino alle tavole firmate da Alejandro Jodorowsky per La casta dei meta-baroni;  fotografi come Marco Bolognesi, Nino Migliori e Vittore Fossati.
L’inaugurazione è attesa per venerdì 3 ottobre.
Ma l’occasione è ghiotta per il turista dell’arte, che sceglierà Reggio Emilia come metta prediletta per organizzarsi questo primo weekend d’ottobre. Sabato 4 si inaugura infatti “In Contemporanea”, evento che apre la stagione espositiva autunnale del circuito di gallerie cittadino, con un opening multiplo: aderiscono, a partire dalla 10.30,  la Galleria de’ Bonis (Viale dei Mille, 44/B), la Galleria 8.75 Artecontemporanea (Corso G. Garibaldi, 4), Bonioni Arte (Corso Garibaldi, 43), VV8artecontemporanea (Via Emilia Santo Stefano, 14), Galleria 13 Arte Moderna e Contemporanea (Via Roma, 34/B), 2000&Novecento Arte Moderna e Contemporanea (Via Emilia San Pietro, 21), RezArte Contemporanea (Via Emilia all’Ospizio, 34/D). Prendere nota, armarsi e partire. L’autunno è iniziato – insieme alla nostra rubrica di consigli sul Finesettimana – con un carico di mostre ed eventi da non bucare.

– Helga Marsala

L’orlando Furioso. Incantamenti, passioni e follie
opening: 3 ottobre 2014, ore 11
fino all’11 gennaio 2015
Palazzo Magnani
Corso Giuseppe Garibaldi 29, Reggio Emilia
info: tel +39 0522454437
www.palazzomagnani.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.