Giovani talenti siciliani in concorso. Si contendono il podio i trentatré artisti in mostra alle Fabbriche Chiaramontane di Agrigento. Tre residenze in palio

Un premio per giovani artisti, in Sicilia. A promuoverlo le FAM – Fabbriche Chiaramontane di Agrigento, spazio gestito dall’associazione di collezionisti “Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento”, che si lancia per la prima volta in un progetto rivolto ai talenti emergenti under 35, dopo una prima virata verso il secondo Novecento. Dal 4 ottobre al 16 […]

Premio Fabbriche Chiaramontane, allestimento - in pirmo piano un dettaglio dell'opera di Daniela Franzella - foto Pitrone

Un premio per giovani artisti, in Sicilia. A promuoverlo le FAM – Fabbriche Chiaramontane di Agrigento, spazio gestito dall’associazione di collezionisti “Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento”, che si lancia per la prima volta in un progetto rivolto ai talenti emergenti under 35, dopo una prima virata verso il secondo Novecento.
Dal 4 ottobre al 16 novembre 2014 trentatré artisti siciliani espongono le loro opere, nell’attesa di giungere al verdetto finale. La selezione dei nomi – avvenuta per chiamata diretta – è stata affidata a una commissione di critici, artisti, galleristi, direttori di museo, siciliani anch’essi: Alessandro Bazan, Giusi Diana, Giuseppe Frazzetto, Corrado Gugliotta, Alfonso Leto, Valeria Li Vigni, Ezio Pagano, Francesco Pantaleone, Antonio Sarnari, Sergio Troisi. Range ampio, con linguaggi tutti diversi – pittura, scultura, video, fotografia, installazioni, performance, street art – e con stili, approcci, ambiti di ricerca eterogenei.
A scegliere i tre nomi favoriti – annunciati il prossimo 15 novembre – sarà invece una giuria composta da Michele Bonuomo (direttore di Arte Mondadori), Giovanni Giuliani (collezionista e presidente dell’omonima fondazione romana) e Marco Meneguzzo (curatore, critico e docente all’Accademia di Belle Arti di Brera).
Cosa c’è in palio? Un pacchetto di residenze distribuito fra i tre artisti saliti sul podio. Un soggiorno ad Agrigento, nel Parco Archeologico della Valle dei Templi per il terzo classificato; il secondo andrà invece in una città d’arte italiana e il primo volerà all’estero: luoghi, mete e dettagli economici ancora da definire. Immancabile anche il premio popolare, che non prevede nessuna vincita concreta, ma assicura l’approvazione dei visitatori. E ai diffusi metodi social ed informarci, si preferisce una tecnica più retrò: si vota solo presso la sede espositiva, compilando un’apposita scheda.
Qualche scatto in tempo reale dalle fasi d’allestimento, insieme all’elenco degli artisti in concorso: Gabriele Abbruzzese, Giuseppe Adamo, Vanessa Alessi, Giovanni Blanco, Mario Cantarella, Elda Carbonaro, Valentina Cirami, Gianluca Concialdi, Gaetano Cunsolo, Francesco Costantino, Stefano Cumia, Gianni Di Rosa, Serena Fanara, Fare Ala, Daniele Franzella, Silvia Giambrone, Loredana Grasso, Carlo e Fabio Ingrassia, Giuseppe Lana, Alessandro Librio, Luca Lo Coco, Federico Lupo, Andrea Mangione, Marco Mangione, Andrea Mineo, Carmelo Nicotra, Nuovo Cinema Casalingo, Ettore Pinelli, Riccardo Puglisi, Linda Randazzo, Angelo Spina, Vito Stassi, Sasha Vinci.

Premio Fam Giovani per le Arti Visive 
opening: 4 ottobre 2014, ore 18.30
fino al 16 novembre 2014
FAM, Fabbriche Chiaramontane – Piazza San Francesco 1, Agrigento

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.