Venezia Updates: è Beatrice Fiorentino la Miglior Critica Cinematografica dell’edizione 2014. Fra molte cose, è anche una firma della redazione cinema di Artribune

Le cifre non sono ancora ufficiali, ma pare che alla Mostra del Cinema di Venezia appena conclusa i professionisti dell’informazione accreditati tra giornalisti, critici cinematografici, inviati radiofonici e televisivi fossero oltre 2mila. Abbiamo aspettato che le luci della ribalta iniziassero ad abbassarsi, per inviervi questo ulteriore Venezia Update, che un pochino riguarda anche Artribune in […]

Le cifre non sono ancora ufficiali, ma pare che alla Mostra del Cinema di Venezia appena conclusa i professionisti dell’informazione accreditati tra giornalisti, critici cinematografici, inviati radiofonici e televisivi fossero oltre 2mila. Abbiamo aspettato che le luci della ribalta iniziassero ad abbassarsi, per inviervi questo ulteriore Venezia Update, che un pochino riguarda anche Artribune in prima persona: perché fra i succitati accreditati, nell’ambito della mostra viene assegnato il Premio Akai Miglior Critica Cinematografica Venezia 2014. E quest’anno a vincere è stata – per i suoi articoli su “Il Piccolo di Trieste” – Beatrice Fiorentino, professionista che possiamo annoverare anche tra le firme di Artribune, nell’agguerrita redazione cinema. Sono state le sue, a detta della giuria – presieduta dalla giornalista e critica cinematografica Dina D’Isa e formata da Antonio Urrata (Direttore della Fondazione Ente dello Spettacolo), Franco Montini (Presidente Sncci – Sindacato nazionale critici cinematografici italiani), Giuseppe Bambagini (in rappresentanza Akai) e Cristiana Paternò (Cinecittà News) -, “le migliori critiche sulle pellicole presenti alla Mostra del Cinema di Venezia 2014”. “Grazie alle redazioni che in questi anni mi hanno dato fiducia, mi hanno fatto crescere, imparare, incuriosire, scoprire”, ha scritto lei sul suo profilo Facebook, nell’immediatezza della notizia: e noi siamo felici di poterci congratulare con lei, sentendoci anche un po’ parte in causa.

Massimo Mattioli

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.