Michelangelo Antonioni e il fiume Po. Il Sole Luna Doc Festival sbarca a Treviso con trentadue pellicole internazionali e un omaggio al maestro ferrarese

Dopo sei edizioni siciliane, con il battesimo in quel di Palermo nel 2006, il Sole Luna Festival si sdoppia e inaugura un secondo appuntamento, a Treviso. Alla sesta edizione arriva così il Sole Luna Treviso Doc Film Festival, grazie a un’intelligente operazione culturale che mette in dialogo l’Europa mediterranea e quella mitteleuropea. Presentato ufficialmente durante […]

Michelangelo Antonioni, appunti fotografici per Gente del Po - courtesy Associazione Michelangelo Antonioni

Dopo sei edizioni siciliane, con il battesimo in quel di Palermo nel 2006, il Sole Luna Festival si sdoppia e inaugura un secondo appuntamento, a Treviso. Alla sesta edizione arriva così il Sole Luna Treviso Doc Film Festival, grazie a un’intelligente operazione culturale che mette in dialogo l’Europa mediterranea e quella mitteleuropea.
Presentato ufficialmente durante la 71a Mostra del Cinema di Venezia, il festival è atteso negli spazi del Museo di Santa Caterina, tra il 15 e il 22 settembre, con una selezione di 32 documentari internazionali, di cui 14 in anteprima italiana.
Due le sezioni in concorso. Il Viaggio, in cui si raccontano storie di popoli, persone, paesaggi, esplorando il senso della diversità, dell’identità, dell’appartenenza e dello scambio: culture in transito, fra radici e contaminazioni. Tra i titoli selezionati La mia classe di Daniele Gaglianone, docufilm sul tema dell’immigrazione in Italia, interpretato da Valerio Mastrandrea, e l’israeliano The fading valley di Irit Gal, che si sofferma sul caso di un gruppo di pastori palestinesi, a cui viene negato il diritto di accedere all’acqua.
La sezione Food for Life  anticipa invece tematiche e atmosfere del prossimo Expo. Tra i film selezionati Mustafa’s Sweet Dreams di Angelos Abazoglou, il cui giovane protagonista guida alla scoperta delle Baklava turche, e Let Them Eat Cake di Alexis Krasilovsky, girato in dodici paesi, che alterna momenti di pura seduzione, con scene legate alle più sontuose tradizioni pasticcere, e riflessioni sull’emergenza alimentare palnetaria.

Watershed Movie di Mark Decena
Watershed Movie di Mark Decena

Fuori concorso, ispirata la rassegna Sul fiume,dedicata ai corsi d’acqua – sorgenti di vita, metafore di fecondità e di spostamento: da Watershed Movie di Mark Decena, prodotto e narrato da Robert Redford, fino a London Afloat, della giovane regista trevigiana Gloria Aura Bortolini.
Ed è proprio nell’ambito della rassegna sulle geografie e le simbologie fluviali che il Festival rende omaggio a uno dei più grandi registi italiani del Novecento, Michelangelo Antonioni, proiettandoGente del Po (1943), il suo primo documentario. A corredo una preziosa mostra, che espone per la prima volta alcune delle fotografie realizzate dal regista nel 1939 lungo le rive del fiume Po. Un corpus importante, che qualche anno dopo sarebbe diventato un eccezionale “taccuino di lavoro” per la sua opera prima, dedicata ai luoghi dell’infanzia: un patrimonio di immagini e di percezioni da cui tutto nacque e in cui tutto tornava, in un senso obliquo o sotterraneo, pellicola dopo pellicola.

 – Helga Marsala

www.solelunaunpontetraleculture.com

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.