Lotta senza quartiere contro il bullismo. Da Hulk a Captain America, i supereroi della Marvel in azione per una giusta causa

Per gli appassionati del genere il marchio Marvel è una vera e propria icona. Non c’è fumettaro al mondo che non abbia frequentato le strisce – ma anche i cartoon, i film, le serie tv, i gadget e i toys – griffati con quel logo: da l’Uomo Ragno agli X-Man, da Capitan America ad Iron Man, dai […]

Captain America - Marvel, serie speciale contro il bullismo

Per gli appassionati del genere il marchio Marvel è una vera e propria icona. Non c’è fumettaro al mondo che non abbia frequentato le strisce – ma anche i cartoon, i film, le serie tv, i gadget e i toys – griffati con quel logo: da l’Uomo Ragno agli X-Man, da Capitan America ad Iron Man, dai Fantastici Quattro a Hulk, da Ghost Rider a Conan il barbaro, alcuni tra i più celebri volti partoriti dall’immaginazione di autori e disegnatori di fumetti vengono pubblicati dalla società statunitense, fondata nel 1938 e acquisita dal gruppo Walt Disney nel 2009.
Oggi l’universo della Marvel conta circa 8000 personaggi e un’incalcolabile schiera di fedelissimi sparsi per il mondo. Una visibilità che diventa un’arma potente, quando la storica vocazione ludica si associa a una mission sociale.
Per il prossimo ottobre la Marvel darà alle stampe alcune serie dei suoi magazine con una copertina speciale, per aderire al mese della sensibilizzazione contro il bullismo. L’iniziativa nasce da una collaborazione con STOMP Out Bullying, tra le principali organizzazioni impegnate per la causa negli States. Saranno sette i fumetti di casa Marvel a partecipare alla campagna: Rocket Raccoon, I Guardiani della galassia, I Vendicatori, Inhuman, Hulk, Captain America e Legendary Star-Lord. Ogni cover mostrerà i mitici supereroi intenti a salvare o consolare dei ragazzi vittime di spregevoli bulli. Un messaggio che arriverà diritto ai tanti giovani lettori di comics: vittime, ma anche potenziali o conclamati teppisti. La battaglia contro le violenze e i soprusi tra adolescenti passa anche da operazioni come queste: comunicazione, creatività e intrattenimento intelligente.

– Helga Marsala

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.