Lo Strillone: bufera sui conti del Teatro Carlo Felice di Genova su La Stampa. E poi Tolstoj on-line, restauri ok a Pompei…

Falso in bilancio: nervi tesi al Carlo Felice di Genova, storica vetrina per la lirica, dove monta la polemica su presunte irregolarità nella gestione. Il caso su La Stampa; intanto riapre su Il Sole 24Ore il Teatro Grande di Pompei: a giorni i primi concerti sul palco che, quarant’anni fa, ospitò i Pink Floyd. Una […]

Quotidiani
Quotidiani

Falso in bilancio: nervi tesi al Carlo Felice di Genova, storica vetrina per la lirica, dove monta la polemica su presunte irregolarità nella gestione. Il caso su La Stampa; intanto riapre su Il Sole 24Ore il Teatro Grande di Pompei: a giorni i primi concerti sul palco che, quarant’anni fa, ospitò i Pink Floyd. Una breve su Libero per annunciare gli eventi del Mese della Cultura italiana a Montecarlo.

Il mito della frontiera non morirà mai: apertura di pagina su Corriere della Sera per il reportage con cui Peter Stark documenta gli ultimi buchi neri rimasti sulla mappa degli Stati Uniti, angoli di mondo salvati dalla (in)civiltà. Per ora è solo in russo, ma la versione inglese è già in cantiere: monumentale, su La Repubblica, il progetto di digitalizzazione dei quaderni di Tolstoj. Disponibili sul web già quasi cinquemila pagine di appunti e taccuini anche inediti.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.