Joana Vasconcelos, la valchiria di Marina Rinaldi. La griffe del gruppo Max Mara illumina la Fashion Week milanese con una mostra e un’opera site specific dell’artstar portoghese

Tra le tante griffe della moda che sempre più spesso tendono a incrociare le proprie strade con le arti visive, nella Fashion Week milanese pronta al via debutta anche Marina Rinaldi. Non è invece nuova alla contaminazione con il mondo della moda l’artista scelta per il grande evento, ovvero la portoghese Joana Vasconcelos, in Italia […]

Tra le tante griffe della moda che sempre più spesso tendono a incrociare le proprie strade con le arti visive, nella Fashion Week milanese pronta al via debutta anche Marina Rinaldi. Non è invece nuova alla contaminazione con il mondo della moda l’artista scelta per il grande evento, ovvero la portoghese Joana Vasconcelos, in Italia vista – solo per fare un esempio – anche con una personale fiorentina al Gucci Museo.
La grande artista portoghese, presente lo scorso anno alla Biennale di Venezia con l’immaginifico vascello attraccato davanti all’ingresso dei Giardini di Castello, sarà protagonista di una mostra che si inaugurerà il 19 settembre a Palazzo Bocconi, dal titolo Valkyrie Marina Rinaldi. Al centro dell’attenzione ci sarà appunto un nuovo pezzo della serie delle Valkyrie – complesse strutture pendenti realizzate con tessuti vari e lavorazioni all’uncinetto – creato con indumenti e tessuti che richiamano la collezione primavera estate 2015 della griffe.
La mostra sarà arricchita da altre tre opere storiche di Joana Vasconcelos, Marilyn del 2009, Independent Heart del 2001 e Carmen del 2005.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.