Il design profuma d’Oriente. Dopo l’esperienza milanese, la Oriental Design Week si sposa a Torino. Dalla Cina fino all’Iran, un viaggio multiculturale

Da Milano a Torino, guardando ad Est. Dopo un passaggio al Fuorisalone meneghino, la settimana del design orientale sbarca a Torino, per la sua prima edizione in salsa piemontese. Ad ospitare la kermesse, tra il 30 settembre e il  5 ottobre prossimi è un edificio liberty, immerso nel verde del Parco Valentino, a pochi passi […]

Oriental Design Week Torino

Da Milano a Torino, guardando ad Est. Dopo un passaggio al Fuorisalone meneghino, la settimana del design orientale sbarca a Torino, per la sua prima edizione in salsa piemontese. Ad ospitare la kermesse, tra il 30 settembre e il  5 ottobre prossimi è un edificio liberty, immerso nel verde del Parco Valentino, a pochi passi dal Castello, sede della storica Società Promotrice delle Belle Arti, fondata nel 1842.
Il tema dell’evento, che sta accompagnando le tappe del 2014, è ancora quel “Make a bridge moving in the cities” che pone l’attenzione sulla sfida esaltante della cooperazione e lo scambio tra scenari lontani – quello orientale e quello occidentale innanzitutto – chiamati a misurarsi sul campo della creatività, della progettazione, della ricerca estetica.
Oltre ai focus su Cina, Corea e India, la Oriental Design Week torinese fa il punto anche sul panorama iraniano, partendo dalla straordinaria maestria del grafico Reza Abedini. Molto spazio ai giovani designer, presenti nei vari progetti espositivi e ospiti speciali di DESIGNato, spazio dedicato a tutti coloro che si sentono in qualche modo “designati”, nati sotto il segno del design, baciati dal talento e spinti dalla vocazione, qui accompagnati da designer già ceebri, come Sakura AdachiJohn BennetBrian Sironi. In palinsesto anche una serie di workshop, installazioni, performance, a completare l’offerta creativa di questa full immersion internazionale: tra le tante presentazioni anche quella del progetto Sarpi Bridge-Oriental Design Week, pensata in occasione di Expo2015 e rivolta a designer e artisti invitati a partecipare.
Una prima ed unica Design Week in Europa”, spiega Annamaria Salinari, Presidente dell’Associazione Fuorisalone Sarpi, “che guarda all’Oriente, che intreccia collaborazioni che fanno della multiculturalità una forza per creare e sostenere un ponte di nuove opportunità, tra Oriente ed Occidente, tra città e città”.

www.orientaldesignweek.it

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.