Esiste anche il design “turistico”. Se ne occupa a Trieste un concorso internazionale fondato da Gillo Dorfles. Ecco le immagini dei progetti vincitori

Il DNA è quello giusto, visto che a fondare il premio, indetto ogni due anni dal Comitato Trieste Contemporanea, è stato nientemeno che Gillo Dorfles. E il format si distingue per sicuramente l’originalità dei temi proposti, spesso improntati a sottolineare e valorizzare il potenziale culturale e turistico dei paesi europei cui il bando è destinato. […]

Il progetto di Sara Sossi

Il DNA è quello giusto, visto che a fondare il premio, indetto ogni due anni dal Comitato Trieste Contemporanea, è stato nientemeno che Gillo Dorfles. E il format si distingue per sicuramente l’originalità dei temi proposti, spesso improntati a sottolineare e valorizzare il potenziale culturale e turistico dei paesi europei cui il bando è destinato.
Parliamo del Concorso Internazionale di Design Trieste Contemporanea, la cui mostra conclusiva, quest’anno intitolata Map pin, si potrà visitare dal 19 settembre al 3 novembre presso lo Studio Tommaseo di Trieste, nell’ambito di BIO50, 24ª Biennale di Design di Lubiana. Ai partecipanti era richiesto di progettare un oggetto-souvenir e un flyer informativo accompagnatorio inerenti a luoghi e beni originali e distintivi del nostro continente.
Tra i quattordici progetti selezionati per l’esposizione il Premio Dorfles è andato a Cromopolis con cui la giovanissima progettista italiana Sara Sossi si è divertita a recuperare la tecnica del frottage. Premiati anche la particolare lettura che la designer serba Ivana Sovilj, vincitrice del Premio InCE, dà a una città medievale croata, e gli altri lavori come quelli della coppiaRoberto Zanon Greta Bignami e del giovanissimo designer ceco Dominik Uhlír.

– Daniele Barosi

www.triestecontemporanea.it

 

 

CONDIVIDI
Daniele Barosi
Daniele Barosi (Pietrasanta, 1978) è Interior Designer e Home Stager. Laureato e specializzato presso il Politecnico di Milano, dal 2008 collabora attivamente come supporto all’insegnamento all’interno di laboratori, corsi e workshop inerenti al design e all’arte contemporanea. È appassionato di musica, fotografia, arte e cinema; lettura e scrittura; viaggiare e conoscere.