Che aria tira sul mercato dell’arte russo? Qualche risposta da Cosmoscow, la fiera allestita in pieno centro a Mosca, al Manege. Con due gallerie che giungono dall’Italia

I fondamentali sono quelli giusti, con una location prestigiosa come il Central Manege, a due passi dal Cremlino e dalla Piazza Rossa, con due direttrici come Margarita Pushkina e Sandra Nedvetskaia, ex direttrice di Christie Russia, con sponsor del calibro da Piaget a dare quell’aura di lusso molto apprezzata a quelle latitudini. Così si presenta […]

I fondamentali sono quelli giusti, con una location prestigiosa come il Central Manege, a due passi dal Cremlino e dalla Piazza Rossa, con due direttrici come Margarita Pushkina e Sandra Nedvetskaia, ex direttrice di Christie Russia, con sponsor del calibro da Piaget a dare quell’aura di lusso molto apprezzata a quelle latitudini. Così si presenta Cosmoscow 2014, piccola ma molto selezionata fiera lanciata nel 2010, che quest’anno fino al 21 settembre allinea a Mosca una trentina di gallerie internazionali proveniente da New York, Londra e tutta Europa, oltre alle migliori di casa. Ci sono Michael Werner da New York, Campoli Presti da Londra, Javier Lopez da Madrid, assieme a moscovite come Regina, RuArts, XL, Open Gallery. Dall’Italia arriva la milanese/londinese Massimo De Carlo, mentre a presidiare la sezione Discovery provvede A Palazzo di Brescia. In attesa di capire come sono andati gli affari, eccovi qualche immagine…

http://cosmoscow.com

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.