Sicilia, weekend Ypsigrock. A Castelbuono band internazionali come Moderat e Belle and Sebastian. E al Castello le installazioni di Nico Vascellari e Riccardo Benassi

Scorre, energica e accelerata, la line up dell’Ypsigrock (7-10 agosto), il festival di musica rock, indie ed elettronica che da 1997 porta big internazionali e ottime band emergenti in quel di Castelbuono, delizioso paesino in provincia di Palermo, incastonato nel Parco delle Madonie. Un evento indipendente, nato per volontà di un gruppo di giovani e […]

Nico Vascellari, Untitled (Horizons), 2014, Castelbuono - Nico Vascellari, Untitled (Horizons), 2014, Castelbuono - foto © Francesco Lapunzina

Scorre, energica e accelerata, la line up dell’Ypsigrock (7-10 agosto), il festival di musica rock, indie ed elettronica che da 1997 porta big internazionali e ottime band emergenti in quel di Castelbuono, delizioso paesino in provincia di Palermo, incastonato nel Parco delle Madonie. Un evento indipendente, nato per volontà di un gruppo di giovani e presto qualificatosi come uno degli appuntamenti musicali più colti e interessanti d’Italia, raggiunto da migliaia di appassionati, con una rodatisima struttura organizzativa e un camping attrezzato per accogliere le folle in pellegrinaggio.
Dopo l’opening di venerdì con gli italiani Isterical Sublime e Uzeda, a precedere l’acid punk dei giapponesi Bo Ningen o il noise-blues graffiato e disperato degli Archie Bronson Outfit, sabato è la volta dei suadenti Moderat, star della scena elettronica tedesca, o di talenti come i Forest Swords, con la loro psichedelia oscura. E domenica si chiude in bellezza: sul main stage un’informata di eccellenze anglosassoni e statunitensi, con i suoni di Money, Sun Kil Moon, Kurt Vile and The Violators, Wild Beasts. Gran finale affidato ai Belle and Sebastian, coppia d’oro del pop-rock britannico.

Riccardo Benassi, Sicilia Bambaataa, 2014 - Castelbuono - foto © Valentina Minutella
Riccardo Benassi, Sicilia Bambaataa, 2014 – Castelbuono – foto © Valentina Minutella

Non solo musica, però. Ad accompagnare il festival, che ogni estate esplode nella grande piazza di fronte al Castello medievale dei Ventimiglia, sede del museo civico di Castelbuono, c’è anche un po’ d’arte contemporanea. In partnership con l’Ypsigrock, il museo – da un paio di mesi capitanato da Laura Barreca – nei giorni dell’evento ospita gli interventi di Nico Vascellari e Riccardi Benassi. Il primo sceglie gli spazi esterni, proiettando sulla facciata un video-collage di immagini astratte, ispirate ai colori del tramonto e a una serie di modulazioni cromatico-luminose; Benassi lavora invece nella sala delle ex scuderie, dove allestisce Sicilia Bambaataa, installazione ambientale che ripensa l’architettura secondo un format già sperimentato in passato: lunghi ritagli di moquette colorata si arrotolano su se stessi, lungo le pareti e il pavimento, mettendo in movimento lo spazio come segni dinamici. Un field recording in loop accompagna poi i visitatori fin dentro la torre, riproducendo un soundscape di suoni meccanici e naturali: dal cinguettio degli uccelli all’incedere progressivo di rumori di treni, aerei, automobili. Benassi tratteggia così il ritratto sonoro di un luogo come tanti, nel tempo di mezzo che separa l’alba incontaminata dal mattino gonfio di frastuono. Vi mostriamo qualcosa (a parte quello che si può solo sentire!) con una carrellata di immagini inedite.

–       Helga Marsala

Riccardo Benassi, Sicilia Bambaataa
8 agosto-5 ottobre 2014
Nico Vascellari, Untitled (Horizons)
7-10 agosto 2014
Museo Civico di Castelbuono, Castello dei Ventimiglia
P.zza Castello – Castelbuono (PA)
info: 0921-677126
www.museocivico.eu
www.ypsigrock.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.