Musica elettronica e new media in fabbrica. Suoni di ieri e di oggi al Berlin Atonal 2014. Dalla new wave dei Cabaret Voltaire a Nico Vascellari

Un festival a metà tra le arti digitali e l’elettronica sperimentale, di oggi e di ieri. Ecco cos’è il Berlin Atonal che andrà in scena tra il 20 e il 24 di Agosto al Kraftwerk Berlin. Un‘antica fabbrica abbandonata, dove si svolgono tuttora molti eventi culturali, tra cui l’Holy.Shit.Shopping dedicato all’esposizione di progetti di giovani designer, artisti e creativi di tutto il mondo che quest’anno, a dicembre, festeggerà il suo decimo anniversario […]

Un festival a metà tra le arti digitali e l’elettronica sperimentale, di oggi e di ieri. Ecco cos’è il Berlin Atonal che andrà in scena tra il 20 e il 24 di Agosto al Kraftwerk Berlin. Un‘antica fabbrica abbandonata, dove si svolgono tuttora molti eventi culturali, tra cui l’Holy.Shit.Shopping dedicato all’esposizione di progetti di giovani designer, artisti e creativi di tutto il mondo che quest’anno, a dicembre, festeggerà il suo decimo anniversario in questo sito industriale di 8mila mq dislocati su tre piani, nel cuore di Berlino-Mitte.
Il Kraftwerk Berlin si trova proprio nella stessa via del Tresor, il techno-club (ma anche etichetta discografica) fondato da Dimitri Hegemann, ideatore nel 1982 del BerlinAtonal, diventato da allora punto di riferimento di gruppi musicali come Psychic TVEinstürzende NeubautenTest Dept808 StateDie Haut e di artisti della scena sperimentale berlinese. L’edizione di quest’anno spazierà dalla minimal-elettronica del concerto inaugurale di Ensemble Modern Synergy Vocals play Steve Reich, alla new wave dei Cabaret Voltaire, fino a proposte italiane più recenti come Ninos du Brasil di Nico Vascellari. Il tutto accompagnato da vari workshop e conferenze sul suono e performance audiovisuali.

– Claudia Giraud

www.berlin-atonal.com

 

 

 

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).