Irregolari, eccentrici, dilettanti, solitari. Sono gli artisti che l’Osservatorio Outsider Art dell’Università di Palermo studia e sostiene. Anche con una preziosa rivista

“Individuale, senza ascendenze e discendenze, Outsider Art è una variabile impazzita che mette in crisi gli strumenti consueti e classificatori della critica d’arte. Ma, provenendo dall’interiorità dell’autore, bussa alla parte più profonda di noi, lasciando spesso riemergere forme e simboli antichi e universali”. Riflessione toccante e lucida, che arriva dal sito dell’Osservatorio Outsider Art dell’Università […]

Henry Darger, outsider artist (USA, 1892-1973)

Individuale, senza ascendenze e discendenze, Outsider Art è una variabile impazzita che mette in crisi gli strumenti consueti e classificatori della critica d’arte. Ma, provenendo dall’interiorità dell’autore, bussa alla parte più profonda di noi, lasciando spesso riemergere forme e simboli antichi e universali”. Riflessione toccante e lucida, che arriva dal sito dell’Osservatorio Outsider Art dell’Università di Palermo. Un nucleo di ricerca istituito nel 2008 e guidato da Eva Di Stefano, titolare della Cattedra di Storia dell’Arte Contemporanea della Facoltà di Lettere e Filosofia. Qui si esplora, si diffonde e si sostiene l’universo composito dell’arte “irregolare”: arte dei margini, del sottosuolo, delle periferie umane, dell’inconsapevolezza e della vocazione, della pulsione e della liberazione. L’arte di chi non è artista, per il sistema ufficiale: quella che un secolo fa Jean Dubuffet chiamò “Art Brut”, e che nel 1972 Roger Cardinal ribattezzò “Outsider Art”, nel suo omonimo saggio.
Psicotici, sociopatici, autistici, bambini, visionari, persone senza istruzione o vissute in contesti difficili, oppure gente comune, priva di formazione o coscienza artistica, ma che nel privato coltiva piccole cosmologie creative dal valore estetico, catartico, speculativo, comunicativo. Eccoli, gli irregolari: avvezzi a non lavorare “per un pubblico ma per se stessi, ossessionati solo dalla necessità di creare un proprio mondo con i mezzi che hanno a disposizione”.

Giovanni Bosco, outsider artist (Castellammare del Golfo - 1948-2009)
Giovanni Bosco, outsider artist (Castellammare del Golfo – 1948-2009)

Da quando il sistema ha iniziato a offrire loro dignità, rispetto ed attenzione, anche la storia dell’arte contemporanea è cambiata. Si è lasciata cambiare. Assumendosi il rischio e la bellezza della strana “variabile impazzita”. L’ultima edizione della Biennale di Venezia, che Massimiliano Gioni ha dedicato al fenomeno, ne è l’ultima, clamorosa prova.
Non sono molti, in Italia, i luoghi che concentrano risorse – economiche ed intellettuali – sull’Outsider Art. Laboratori, associazioni, fondazioni. Ma sul piano accademico quello palermitano è forse l’unico osservatorio esistente. Che trai i suoi punti di forza vanta anche una pubblicazione semestrale: la rivista O.O.A. raccoglie studi, racconti, analisi e memorie dedicati a casi di artisti outsider nazionali ed internazionali, con un’attenzione speciale per il territorio siciliano.
Inizialmente pubblicata dall’Università di Palermo, è oggi una scommessa della casa editrice palermitana Glifo Edizioni, fondata nel 2013 dai giovani Luca Lo Coco, artista e graphic designer, e Sarah Di Bendetto, storica dell’arte. I contenuti sono condivisi sul web, con tanto di traduzione in inglese, ma nascono per la carta e sulla carta resistono. È appena partita la campagna abbonamenti che precede l’uscita del nuovo numero; bastano 30 euro l’anno per garantire un futuro a questa sfida difficile: argomento di nicchia, temi complessi, un grande lavoro di ricerca alla base e uno sforzo economico mosso da passione. Storie di umanità, di dedizione scientifica e di impegno professionale, che meritano di essere raccontate, ascoltate. E sostenute.

–  Helga Marsala

http://www.glifo.com/
http://www.outsiderartsicilia.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.