Firenze a misura di bambino con il Kit Famiglie: dieci monumenti della città da scoprire grazie a materiali pensati per i piccoli

Il target a cui si punta è quello dei bambini tra i cinque e gli undici anni. Un po’ più grandicelli di quelli della famigerata “età dei perché”, segnata con buona pace dello stress dei genitori dalla fatidica serie di domande a catena su ogni argomento dello scibile umano, ma non per questo assimilabili ad […]

Kit Famiglie Firenze

Il target a cui si punta è quello dei bambini tra i cinque e gli undici anni. Un po’ più grandicelli di quelli della famigerata “età dei perché”, segnata con buona pace dello stress dei genitori dalla fatidica serie di domande a catena su ogni argomento dello scibile umano, ma non per questo assimilabili ad adulti in miniatura. Anzi. Ogni stagione della vita ha i suoi codici, i propri linguaggi, i metodi e gli schemi per comunicare e imparare. È per questo che l’Associazione MUS.E mette a frutto l’esperienza pilota compiuta negli ultimi anni con Palazzo Vecchio e sforna – insieme a Comune di Firenze e Musei Civici Fiorentini – i Kit Famiglie, strumenti che si propongono come guide privilegiate proprio per quella delicatissima fascia di età. Facendo leva sulla necessità di coinvolgimento dei più piccoli, su un approccio ludico che sappia catturarli e divertirli; trasformando la visita ai luoghi d’arte in una esperienza piacevole e giocosa.
Si noleggia (al costo di 5 euro per un massimo di tre ore) all’info-point di Palazzo Vecchio lo zainetto colorato che contiene una mappa che aiuta a orientarsi in quel museo a cielo aperto che è il centro storico di Firenze, segnando dieci punti fondamentali – dal Bargello al Duomo, da Orsanmichele al Ponte Vecchio – ognuno dei quali associato ad una busta. All’interno delle buste  informazioni – in italiano, inglese o francese – sul patrimonio storico-artistico costruite a misura di art-addicted in erba, ovviamente con un linguaggio ad hoc; ma anche – forse soprattutto – piccoli quiz ed enigmi da risolvere insieme a mamma e papà, trasformando l’occasione della visita in una specie di divertente caccia al tesoro. E poi ancora pastelli colorati per improvvisarsi artisti e giochi vari da svolgere tra una visita e l’altra.

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.