BRIC Art Space, a Todi un nuovo spazio per l’arte internazionale. Immagini e video della mostra di debutto, con un inedito link verso la Cina…

“Il progetto nasce per rispondere a una precisa domanda: cosa significa oggi essere contemporanei? E la risposta la cerchiamo in un ponte che vogliamo creare fra i paesi del BRIC – Brasile, Russia, India, Cina – e l’occidente, l’Europa, l’Italia”. Un ponte per definizione è qualcosa che unisce due luoghi, siano essi fisici o spirituali, […]

Il progetto nasce per rispondere a una precisa domanda: cosa significa oggi essere contemporanei? E la risposta la cerchiamo in un ponte che vogliamo creare fra i paesi del BRIC – Brasile, Russia, India, Cina – e l’occidente, l’Europa, l’Italia”. Un ponte per definizione è qualcosa che unisce due luoghi, siano essi fisici o spirituali, e allora per costruirlo occorrono due punti di riferimento: questo l’assunto che è alla base dell’apertura a Todi di BRIC Art Space, nuovo spazio espositivo che BRIC Art affianca a quello che già gestisce a Pechino, nell’ancora centrale distretto della Factory 798. Obbiettivo? Offrire a studiosi, collezionisti e in generale al pubblico uno sguardo su dinamiche artistiche ancora scarsamente conosciute in Italia ed Europa, spiega Filippo Fabrocini, direttore artistico di BRIC Art, nella videointervista che trovate qui sotto.

La nuova galleria debutta dunque in bellissimi spazi al piano terreno di un antico palazzo nobiliare, con la mostra collettiva Nel silenzio tra due onde: astrazione e semplicità nell’arte contemporanea cinese, curata da Maria Virginia Leonori. Una selezione di opere di artisti affermati come Cao Jigang, Guang Jingjing, Sun Ce, Tian Xiaolei, affiancata da una sottosezione dedicata a tre giovani artisti provenienti dalla Facoltà di Arte della Tsinghua University di Pechino, Chen Yu, Sun Moqing e Wen Le (li vedete nella fotogallery, realizzata nel corso dell’opening). A poco più di un anno dall’apertura della brillantissima Bibo’s Art Place, un nuovo ambizioso spazio espositivo che pone la cittadina umbra al centro dell’attenzione del mondo dell’arte…

Fino al 15 ottobre 2014
Corso Cavour 57-59 – Todi (Pg)
www.thebricart.com

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.