Sono diciannove gli artisti selezionati per Off Site Art. Un progetto d’arte pubblica dedicato all’Aquila: l’arte reinventa i cantieri del centro storico

In trecento hanno risposto alla call for artists lanciata nei mesi scorsi da “Off Site Art”, organizzazione non profit con sede a New York, impegnata sul fronte dell’arte pubblica. Un riscontro ampio e vivace, con un fiume di oltre 1200 immagini giunte da artisti emergenti di Berlino, New York, Teheran, Korce, Roma, Bari, Firenze, ma anche – in moltissimi […]

L'Aquila, la Chiesa della Anime Sante in restauro

In trecento hanno risposto alla call for artists lanciata nei mesi scorsi da “Off Site Art”, organizzazione non profit con sede a New York, impegnata sul fronte dell’arte pubblica. Un riscontro ampio e vivace, con un fiume di oltre 1200 immagini giunte da artisti emergenti di Berlino, New York, Teheran, Korce, Roma, Bari, Firenze, ma anche – in moltissimi – dell’Abruzzo. Ed è proprio un progetto dall’anima tutta abruzzese quello proposto da Off Site Art: protagonista è il centro storico dell’Aquila, ancora in attesa di risorgere dopo il sisma del 2009 che ridusse in macerie intere porzioni di uno straordinario nucleo storico, architettonico e urbanistico.
L’intuizione: sfruttare come superfici creative i molti cantieri che ancora occupano piazze e strade, riprendendo l’idea dei comuni teli in pvc che coprono le impalcature di chiese e palazzi in restauro. L’Aquila diventa così, grazie alle opere dei diciannove artisti selezionati, una maxi galleria a cielo aperto, grazie a un processo di riscrittura artistica temporanea che valorizzi scorci e facciate, sottraendo alla vista l’ingombro delle invasive strutture edili. Una maniera per riappropriarsi di un luogo negato e per occupare la parentesi vuota – oramai lunghissima, assordante – della ricostruzione.

Off Site Art
Off Site Art

Il comitato scientifico, composto da Ida Panicelli (Direttrice di ArtForum 1988-1992, New York), Cecilia Alemani (Donald R. Mullen, Jr. Curator & Director di High Line Art, New York), Cecilia Guida (Curatore indipendente e Docente di Storia dell’Arte all’Accademia di Belle Arti de L’Aquila), Giuseppe Lignano (Fondatore e Presidente di LOT-EK, Napoli e New York), insieme alla curatrice del progetto, Veronica Santi, ha scelto tra le tante application giunte i lavori – soprattutto di natura fotografica – di: Dritan Hyska, Federica PeyroloIacopo PasquiElena Adamou, Daniele Davitti, Edoardo De FalchiPietro Del BiancoIolanda Di Bonaventura, Sandro Di CamilloFederica Di CarloMarjan FahimiAntonella Finucci, G&G Gabriella & Giannicola, Arianna LodesertoCarmen Mitrotta, Danilo Susi, Claudia Esposito, Lucia Uni, Gianni Zanni.
Prima edizione, quella del 2014, con tutta l’intenzione di proseguire, via via che i cantieri avanzano e si avvicendano. Aspettando che la vita torni, nel cuore antico dell’Aquila, finalmente.

–      Helga Marsala

www.offsiteart.it