Murano in “vacanza” a Segovia. Tappa spagnola per la mostra globetrotter European Glass Experience: giovani artisti internazionali alle prese con l’arte del vetro, ecco le immagini

Se il mondo dell’arte non conosce la parola “ferie”, ci sono eventi che sembra scelgano di abbinare la piena attività con aspetti comunque legati all’idea di “vacanza”. È il caso della mostra Ege – European Glass Experience, sviluppo dell’omonimo concorso internazionale per giovani artisti messisi alla prova con l’uso del vetro, che dopo il successo della […]

European Glass Experience - José Angelino

Se il mondo dell’arte non conosce la parola “ferie”, ci sono eventi che sembra scelgano di abbinare la piena attività con aspetti comunque legati all’idea di “vacanza”. È il caso della mostra Ege – European Glass Experience, sviluppo dell’omonimo concorso internazionale per giovani artisti messisi alla prova con l’uso del vetro, che dopo il successo della prima tappa al Finnish Glass Museum (Riihimaki, Finlandia) arriva ora a Segovia (Spagna). Un progetto promosso dal Consorzio Promovetro Murano, in collaborazione con il Museo del Vetro di Murano – Fondazione Musei Civici di Venezia ed il Comune di Venezia, che porta in tournée europea gli stimoli della gloriosa tradizione artigiana veneziana: prossima tappa sarà proprio il Museo del Vetro di Murano, ma poi si ripartirà per il Museo delle Vetrate di Cracovia (Polonia), il Festival Internazionale del vetro a Stourbridge (Regno Unito), e la Fabbrica del vetro di Boda Glasbruk (Svezia).
Come in Finlandia, anche la mostra spagnola, ospitata dal Museo Tecnológico del Vidrio a La Granja fra il 28 luglio e il 16 novembre, sarà curata da Paloma Pastor, direttrice del Museo, ed esporrà tutti i bozzetti selezionati e venti opere vincitrici. Fra gli artisti presenti, assieme ad austriaci, cechi, finlandesi, francesi, inglesi, irlandesi, italiani, lituani, olandesi, polacchi, svedesi, tedeschi, ungheresi, argentini, israeliani, turchi, molti gli italiani, da José Angelino a Giorgio Andreotta Calò, Gaia Carboni, Elena Mazzi, Davide Spillari, Elena Trevisan, Valerio Veneruso. Previsto anche un workshop dove tre artisti, provenienti dalla Finlandia, dalla Lituania e dall’Italia, lavoreranno a fianco di artisti, maestri soffiatori e studenti spagnoli dell’Higher Education Institution of Glass della Fundación Centro Nacional del Vidrio. Nella fotogallery, una selezione delle opere esposte…

www.fcnv.es

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • European Glass Experience

    Thanks Artribune for the great coverage!
    And greetings from Spain where we are definitely not on vacation, but working hard to both preserve European crafts and support young visual artists!
    EGE Team