Lo Strillone: Paolo Veronese tra Londra e l’Italia con Arbasino su Corriere della Sera. E poi il Trecento a Firenze, addio ozio creativo…

Differenze e analogie tra la mostra londinese e quella a Verona: Alberto Arbasino su Corriere della Sera si lascia sedurre dalle meraviglie di Paolo Caliari. Non solo padri pellegrini: reportage culturale da Provincetown per La Repubblica, nella baia dove arrivò il mitico Mayflower e dove Edward Hopper si ritirava a dipingere. Pittura prima del Rinascimento […]

Quotidiani
Quotidiani

Differenze e analogie tra la mostra londinese e quella a Verona: Alberto Arbasino su Corriere della Sera si lascia sedurre dalle meraviglie di Paolo Caliari. Non solo padri pellegrini: reportage culturale da Provincetown per La Repubblica, nella baia dove arrivò il mitico Mayflower e dove Edward Hopper si ritirava a dipingere.

Pittura prima del Rinascimento nella grane mostra sui Primitivi in scena a Firenze e su La Stampa. Non ci sono più le vacanze di una volta: pezzo di colore su Il Giornale quello firmato da Marco Cubeddu, che rimpiange l’ozio creativo dei grandi scrittori, da Pavese a Flaiano. Le estati vuote e rilassanti offrivano assist per la penna che oggi, nel caos, non si realizzano più.
– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.