Fra territorio e innovazione artistica. Schio diventa vetrina del contemporaneo con Pulsart Restart, fra mostre, performance, workshop, concerti: senza perdere d’occhio l’impresa

L’incontro come rituale di passaggio, un momento di comunione e cambiamento che interessa la collettività trasformando l’individuo: ecco solo alcuni degli spunti del tema al centro dell’edizione 2014 di Pulsart Restart, festival di arte contemporanea creata e organizzata da Type Creative People, Daamstudio e Anna Zerbaro Pezzin. Giunta alla quinta edizione, la rassegna animerà per […]

L’incontro come rituale di passaggio, un momento di comunione e cambiamento che interessa la collettività trasformando l’individuo: ecco solo alcuni degli spunti del tema al centro dell’edizione 2014 di Pulsart Restart, festival di arte contemporanea creata e organizzata da Type Creative People, Daamstudio e Anna Zerbaro Pezzin. Giunta alla quinta edizione, la rassegna animerà per un’intera settimana – dal 4 al 13 luglio – le vie del centro storico di Schio, in provincia di Vicenza, con un ricco programma di esposizioni, dibattiti, performance, workshop, percorsi narrativi, residenze d’artista, concerti e proiezioni di cortometraggi con l’intento dichiarato di far avvicinare il grande pubblico all’arte contemporanea.
Si tratta di riflettere sullo sviluppo delle interrelazioni tra territorio ed innovazione artistica, con grande attenzione verso i progetti e le scene artistiche più interessanti del Nord Est e non solo: tra gli eventi da segnarvi sull’agenda c’è Ritual, la collettiva curata da Anna Zerbaro all’interno dello Spazio Shed con artisti emergenti del territorio, la serie di proiezioni Cortinfiniti organizzata dal Lago Film Fest, la personale dell’artista Graziano G. Meneghin a cura di No Title Gallery all’interno di Palazzo Toaldi Capra e i due incontri dedicati all’imprenditorialità e l’arte contemporanea a cura del Dipartimento di Management Ca’ Foscari di Venezia. Le strade della città saranno invase da eventi come Via Pasubio Project Corner che renderà il centro un percorso dove incontrare i protagonisti di alcuni tra i progetti indipendenti più importanti del momento.

– Filippo Lorenzin

Schio // dal 4 al 13 luglio
Pulsart Restart
www.pulsart.it

 

 

CONDIVIDI
Filippo Lorenzin
Filippo Lorenzin è un critico d’arte contemporanea e curatore indipendente. Si interessa principalmente del rapporto tra arte, tecnologia e società, seguendo un percorso in cui confluiscono discipline come l’antropologia, la psicologia e la storia. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Venezia e allo Iuav, sviluppando un interesse nelle ricerche artistiche che si confrontano con le problematiche derivanti dalle modalità di interazione tra individui, contesti culturali e strumenti. Ha realizzato numerosi studi riguardanti il rapporto tra arte contemporanea, Internet e pubblico online, affrontando casi come il crowdfunding e le mostre d’arte virtuali. Affascinato dal confronto diretto, predilige la forma dell’intervista in quanto occasione per discutere e imparare.
  • Anna

    Non sarebbe stato più corretto che a scrivere dell’evento fosse stato qualcun altro? Segnalo che Filippo Lorenzin parteciperà attivamente a Via Pasubio Project Corner. E allora questo non è più giornalismo, cronaca, notizia o come lo volete chiamare, ma soltanto pubblicità.