Faenza sempre più capitale della caramica. Presentata a Milano Argillà Italia 2014, con duecento espositori provenienti da ventuno paesi

La tradizione di Faenza e delle sue botteghe, che affonda le sue radici in epoca medievale, oggi rappresenta un’eccellenza del settore, con poli museali (Museo Internazionale della Ceramica e Museo Carlo Zauli), di educazione, con l’istituto Superiore per le Industrie Artistiche ISIA , e ricerca avanzata sul materiale, con i Laboratori di Ricerca dell’ENEA. Dal […]

La tradizione di Faenza e delle sue botteghe, che affonda le sue radici in epoca medievale, oggi rappresenta un’eccellenza del settore, con poli museali (Museo Internazionale della Ceramica e Museo Carlo Zauli), di educazione, con l’istituto Superiore per le Industrie Artistiche ISIA , e ricerca avanzata sul materiale, con i Laboratori di Ricerca dell’ENEA. Dal 5 al 7 settembre 2014 Faenza ospiterà Argillà Italia 2014, l’appuntamento biennale – presentato nei giorni scorsi a Milano, a Palazzo Marino – della mostra-mercato leader nel settore della ceramica che si snoderà per le vie del centro storico della città.
La rassegna, grazie anche alla creazione del network internazionale ARGINET, vedrà quest’anno duecento espositori rappresentanti 21 nazioni, per il 60-70% stranieri, e un ricco calendario di eventi culturali con mostre, workshop e performance tra cui quella dell’artista inglese Jonathan Keep che, in rappresentanza dell’Inghilterra ospite d’onore di questa edizione con Argillish, utilizzerà, in collaborazione con il FabLab di Faenza, stampanti 3D per realizzare opere in porcellana. Si sta infatti sperimentando in questi giorni, nella nostrana WASP, azienda di Massalombarda, la creazione di una stampante alta 7m che, in futuro, permetta di costruire case in argilla a basso costo.
Nella ricca offerta proposta in evidenza la mostra di Milano Makers – a cura di Maria Christina Hamer – Mano e Terracotta. Artisti, ceramisti e designer sono stati invitati ad elaborare con le proprie mani la frase di Kant: “La mano è la finestra della mente”, utilizzando la terra rossa, senza il tornio, ma tecniche antiche o di nuova invenzione. Inoltre, dedicata alla valorizzazione e formazione all’estero delle donne nel settore della ceramica artistica, Anty Pansera, Presidente dell’ISIA, ha invitato quattro maestre a creare un ornamento per il corpo, nella mostra Lady Ceramica.

– Flavia Chiavaroli

www.argilla-italia.it

 

CONDIVIDI
Flavia ChiavarolI
Architetto, exhibition designer e critico freelance. Osservatrice attenta e grande appassionata di architettura ed arte moderna e contemporanea riporta la sua esperienza nell’organizzazione di workshop, collabora con artisti e fotografi e aggiornando i principali social network. Dal 2012 si occupa di progettazione di mostre ed eventi.