Estate mediterranea, il distretto artistico versiliano si amplia fino a La Spezia, con la collaborazione fra CAMeC e Database

Il brillante distretto artistico – specialmente estivo – che va sempre più crescendo in Versilia, fra Pietrasanta e Carrara, si amplia strutturalmente fino a La Spezia. Il CAMeC, Centro Arte Moderna e Contemporanea, ha stretto un accordo di collaborazione con Database, il progetto culturale ideato dall’associazione Ars Gratia Artis per rileggere il Museo Civico del […]

Il brillante distretto artistico – specialmente estivo – che va sempre più crescendo in Versilia, fra Pietrasanta e Carrara, si amplia strutturalmente fino a La Spezia. Il CAMeC, Centro Arte Moderna e Contemporanea, ha stretto un accordo di collaborazione con Database, il progetto culturale ideato dall’associazione Ars Gratia Artis per rileggere il Museo Civico del Marmo, che dal 2013 coinvolge anche le sale espositive del Centro Arti Plastiche e le cave di marmo di Carrara, e da qualche mese vanta una nuova sede con attività allargate nel palazzo dell’ex Accademia in Via Buonarroti.
La programmazione estiva del centro d’arte spezzino prevede al Piano Due la mostra Ripensare le collezioni: la scultura, a cura di Francesca Cattoi – che ne è la direttrice – con Eleonora Acerbi, al Piano Uno Eliseo Mattiacci. Forme e materiali della scultura, curata da Francesca Cattoi e dallo stesso Eliseo Mattiacci, al Piano Zero Destini/Storie/Vite. Fotografie dalla Collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, a cura di Francesca Cattoi e Filippo Maggia. Nella Project Room, appunto, CAMeC ospita Database, con una mostra di opere di Avelino Sala (Spagna), Robert Pettena (Italia), Andrew Rutt (Inghilterra) e Greta Alfaro (Spagna) curata da Francesca Cattoi e Federica Forti.

Inaugurazione: venerdì 11 luglio 2014 – ore 18.00
Dall’11 luglio al 31 gennaio 2015
Piazza Battisti, 1 – La Spezia
http://camec.spezianet.it