Arte contemporanea dappertutto, anche nel profondo Sulcis-Iglesiente. Ecco cosa sta facendo l’associazione Cherimus a Perdaxius

Torna anche quest’anno a Perdaxius – siamo a pochi chilometri da Carbonia, nell’entroterra della Sardegna Meridionale – l’iniziativa Caro Giacomo, promossa dall’associazione Cherimus. Durante la festa patronale dei santi Giacomo e Anna, l’arte contemporanea diventa occasione di confronto tra artisti e popolazione, che oramai è avvezza a linguaggi che invece stentano a far breccia in […]

Il mosaico di Perdaxius

Torna anche quest’anno a Perdaxius – siamo a pochi chilometri da Carbonia, nell’entroterra della Sardegna Meridionale – l’iniziativa Caro Giacomo, promossa dall’associazione Cherimus. Durante la festa patronale dei santi Giacomo e Anna, l’arte contemporanea diventa occasione di confronto tra artisti e popolazione, che oramai è avvezza a linguaggi che invece stentano a far breccia in città teoricamente ben più “avanzate” del continente. Il cuore dell’intervento è la riproduzione a mosaico dell’opera I sogni ci guidano, ma bisogna agire, originariamente un olio su tela di Marco Colombaioni, cofondatore di Cherimus e tragicamente morto nel 2011, a soli 28 anni, dopo aver salvato alcuni ragazzi dall’annegamento. E tra giochi per bambini, workshop e una torta coloratissima, le iniziative proseguono fino al 28 luglio grazie all’impegno – oltre che di Matteo Rubbi ed Emiliana Sabiu – di José Chaves (Lisbona), Scarlett Lingwood (Londra), Gemma Noris (Lisbona), Hamdy Reda (Il Cairo), Andrea Rossi (Siena) e Carlo Spiga (Cagliari).

– Marco Enrico Giacomelli

348 6299861
[email protected]
www.cherimus.net

 

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014). In qualità di traduttore, ha curato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.