Venezia Updates: relax con stile al Peggy Guggenheim Café. Rinnovato dallo studio Hangar Design Group il concept della caffetteria nel museo della celebre collezionista

Palazzo Venier dei Leoni, un gioiellino di architettura neoclassica, sede sul Canal Grande della Peggy Guggenheim Collection, rinnova il suo Museum Cafè. Collocato sul lato delle esposizioni temporanee, dove è in corso fino al 31 agosto la strepitosa mostra Solo per i tuoi occhi, con 120 capolavori della Collezione Richard e Ulla Dreyfus-Best di Basilea […]

Palazzo Venier dei Leoni, un gioiellino di architettura neoclassica, sede sul Canal Grande della Peggy Guggenheim Collection, rinnova il suo Museum Cafè. Collocato sul lato delle esposizioni temporanee, dove è in corso fino al 31 agosto la strepitosa mostra Solo per i tuoi occhi, con 120 capolavori della Collezione Richard e Ulla Dreyfus-Best di Basilea (un compendio di storia dell’arte: da Hieronymus Bosch, passando per Johann Heinrich Füssli, fino al surrealismo di Max Ernst), rappresenta un momento di relax, pur continuando a parlare di Peggy. Perché il concept della caffetteria, sviluppato dallo studio Hangar Design Group, consiste nell’inserimento sulle pareti di grandi ritratti fotografici di Peggy, per offrire al visitatore uno sguardo intimo sulla vita della grande collezionista all’interno di questi spazi che abitò dal 1948 fino alla sua morte avvenuta nel 1979.
Al centro dello spazio campeggia il lampadario Peggy, concepito sempre da Hangar Design Group specificatamente per questo luogo e realizzato dall’azienda Vistosi. In perfetto equilibrio intorno a un doppio asse, Peggy è composto da una serie di sfere in vetro soffiato e metallo che incorporano un’idea modernista di spazio, dove la luce costituisce il punto focale dell’ambiente, interpretando la polarità cromatica del bianco e nero con la leggerezza di un segno razionale ed elegante. Il progetto complessivo ha enfatizzato l’elemento della luce naturale che penetra dal giardino all’interno della veranda attraverso la definizione di uno spazio pulito, dalle linee sobrie e lievi. Gli arredi di alto design, creati da Arclinea, si inseriscono con eleganza sul fondale bianco delle pareti, amplificando la luminosità dell’ambiente.

Claudia Giraud

www.guggenheim-venice.it

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).