Venezia Updates: Okwui Enwezor ad Artribune. “Ottima la scelta di Koolhaas di aprire ai settori danza, musica, teatro. Ma io non la replicherò alla Biennale Arte 2015”

“Una scelta fantastica, credo che Rem Koolhaas abbia introdotto una novità molto funzionale ai suoi obbiettivi”. La promozione alla scelta del direttore della Biennale Architettura di aprire la sua mostra internazionale anche ai contributi dei settori danza, musica, teatro arriva da una voce prestigiosa come quella di Okwui Enwezor, il critico nigeriano che è già […]

Okwui Enwezor alla Biennale Architettura

Una scelta fantastica, credo che Rem Koolhaas abbia introdotto una novità molto funzionale ai suoi obbiettivi”. La promozione alla scelta del direttore della Biennale Architettura di aprire la sua mostra internazionale anche ai contributi dei settori danza, musica, teatro arriva da una voce prestigiosa come quella di Okwui Enwezor, il critico nigeriano che è già al lavoro per curare la sua, di Biennale, quella delle Arti Visive del 2015. Lo incontriamo nel bel mezzo dell’ultima giornata di vernice, confuso fra i tanti visitatori che si soffermano nell’apprezzato padiglione brasiliano: mentre parliamo con lui passa anche un altro ex direttore di biennale, Francesco Bonami. Notoriamente riservato, il pur cortesissimo Enwezor respinge le nostre – illusorie – domande circa qualche anticipazione sulla rassegna del prossimo anno: “avrete presto notizie, stiamo rifinendo qualche dettaglio in vista della presentazione”. Ma non ci congeda prima di averci chiarito un aspetto di cui pure in questi giorni si dibatteva: lui replicherà la fusione di tutte le biennali? “No, è una scelta che ho molto apprezzato, ma i miei programmi vanno in altre direzioni”…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.